Dalla Regione 124mila euro per la riqualificazione e messa in sicurezza dei giardini che circondano il lago Fiorenzo

Un accordo finalizzato alla realizzazione di interventi per la riqualificazione a fini turistici e messa in sicurezza dell’area dei giardini pubblici circostante il lago Fiorenzo a Montepiano, con il quale la Regione si impegna a sostenere parte delle spese con 124mila euro, pari all’80% dell’intervento (il restante 20% sarà a carico del Comune di Vernio). Lo ha deciso la Giunta della Toscana con una delibera che ha approvato il testo dell’accordo, il cui contenuto è stato approvato dalle due amministrazioni al fine di migliorare la fruibilità dei giardini pubblici posti in riva al lago e rafforzare la competitività e valorizzazione a fini turistici. In una nota la Regione ricorda che “i forti temporali del dicembre 2017 provocarono il cedimento di una sponda del lago con la conseguenza che tutte le acque defluirono nel torrente Setta, che lo alimenta, svuotandolo del tutto. In attesa che partano gli auspicati lavori di ripristino dell’argine, Regione e Comune avvieranno quelli per l’adeguamento dell’area circostante il lago che comprende la realizzazione di una nuova area giochi per bambini, il rifacimento del manto erboso dei giardini, l’installazione di arredi urbani, aree pic-nic e la realizzazione dell’illuminazione pubblica a led di tutta l’area”.
“Con il sostegno a infrastrutture pubbliche in grado di favorire l’insediamento di nuove imprese e far tornare i turisti che dopo il crollo erano visitatori un po’ spaesati per la mancanza dello specchio d’acqua, cerchiamo di aiutare le aree interne montane, come questa, che reggono in un prezioso equilibrio la propria comunità” afferma l’assessore regionale alle attività produttive e turismo Stefano Ciuoffo. Prospiciente il lago ci sono anche  impianti sportivi e uno chalet di proprietà della Regione.  Oltre agli interventi già citati e realizzati nell’area dei giardini del lago è prevista la realizzazione di un parcheggio pubblico in fregio alla Badia di Montepiano.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*