Indagine Sole 24 Ore sulla popolarità degli amministratori: Biffoni in calo del 6,1%. Perde terreno anche il governatore Rossi

Il governatore del Veneto Luca Zaia e il sindaco di Bari (e presidente dell’Anci) Antonio Decaro sono gli amministratori locali più popolari in Italia. Entrambi, anche sotto la spinta dell’emergenza Covid-19, ottengono un consenso quasi plebiscitario: se si votasse in questo momento otterrebbero il 70% delle preferenze. E’, questa, l’indicazione più significativa del Governance Poll 2020, un’indagine sul livello di gradimento dei presidenti delle 18 Regioni a elezione diretta e dei sindaci di 105 città capoluogo di provincia realizzata per Il Sole 24 Ore del Lunedì da Noto Sondaggi.
Tra i sindaci che perdono terreno, invece, c’è anche il primo cittadino di Prato Matteo Biffoni, che si attesta al 79° posto a livello nazionale. Secondo l’indagine, se si andasse a votare oggi un pratese su due rivoterebbe Biffoni che otterrebbe il 50% dei consensi, con un calo però del 6,1% rispetto al risultato ottenuto un anno fa in occasione della sua rielezione.
Anche il governatore della Regione Toscana, Enrico Rossi, fa un passo indietro e si posiziona al decimo posto nella classifica nazionale: 46% di gradimento rispetto al 48% registrato nel 2015 quando Rossi venne rieletto presidente della Regione Toscana.
Il sondaggio è stato eseguito su un campione di 1.000 elettori in ogni Regione e Comune, disaggregati per sesso, età ed area di residenza. Le interviste sono state effettuate dal 5 al 20 giugno scorsi, dunque subito dopo l’emergenza Coronavirus. Agli intervistati è stato chiesto se voterebbe a favore o contro l’attuale presidente della Regione e il sindaco in carica nel caso in cui domani ci fossero nuovamente le elezioni.

1 Commento

  1. Sempre troppo poca la perdita dei consensi.
    Biffoni, renziano, voleva abolire la Costituzione per avere più potere personale.
    Rossi sarà ricordato principalmente per i “buchi” Asl Carrara (50 milioni) e Siena.
    E per la foto di gruppo con i Rom che però non può ospitare a casa sua.
    Non che l’opposizione sia migliore…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*