Covid, avvocato in quarantena per aver avuto contatti a un’udienza con un detenuto positivo. Sconcerto della Camera Penale: “Esposti pesantemente al pericolo di contagio”

Un avvocato pratese è stato messo in quarantena a seguito di una udienza di convalida in carcere con un detenuto risultato positivo al Covid. A darne notizia è la Camera Penale di Prato che esprime sconcerto per l’accaduto. “Decisiva è stata la circostanza che il difensore, presso il carcere di Prato, sia stato seduto accanto al detenuto a meno di un metro per poter essere ripreso dalla telecamera   del computer durante lo svolgimento a distanza dell’udienza” spiega il direttivo della Camera Penale in una nota diffusa oggi. “Sembrerebbe, inoltre, che il detenuto fosse già risultato positivo in occasione di un tampone eseguito, prima della carcerazione, presso un Centro di Accoglienza per Migranti, senza che nessuno ne avesse informato il collega al momento dell’udienza di convalida. È intollerabile – prosegue la nota – che gli avvocati debbano essere pesantemente esposti al pericolo di contagio mentre assolvono alla loro funzione e tanto più che ciò accada proprio al fine di consentire, con mezzi evidentemente inappropriati, la celebrazione dell’udienza a distanza, che comprime i diritti delle parti proprio per prevenire – evidentemente in modo inappropriato e non per tutti – il rischio di contagio”. Nell’esprimere “vicinanza e solidarietà al collega ed amico coinvolto direttamente”, il direttivo della Camera Penale di Prato manifesta “la più viva protesta, chiedendo   all’Amministrazione penitenziaria ed a tutte le autorità interessate di adottare urgentemente tutte le misure necessarie ad evitare il ripetersi di ulteriori analoghi incidenti”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*