Alessandro Barbero in Santa Croce racconta Dante, uomo e poeta a 700 anni dalla morte VIDEO

La lezione di Alessandro Barbero su Dante e il potere ha aperto ieri pomeriggio le celebrazioni dantesche in Santa Croce a Firenze, luogo della memoria e spazio speciale del dialogo tra passato e presente, in vista del 700esimo anniversario della morte del Poeta. Barbero, storico trai i più conosciuti, ha appena pubblicato «Dante» – quella di ieri è stata prima lezione successiva all’uscita del volume- dove disegna un ritratto a tutto tondo del genio creatore della Divina Commedia visto per la prima volta come uomo del suo tempo, il Medioevo, di cui vengono raccontati il mondo e i valori. L’evento è stato promosso dall’Opera di Santa Croce con Editori Laterza, insieme a FEC (Fondo Edifici di Culto) e Comune di Firenze, enti proprietari del complesso monumentale.

“L’anniversario dantesco costituisce un evento provvidenziale in questa fase storica. La lezione civile e poetica di Dante, la sua esistenza votata con passione alle vicende delle comunità in cui ha vissuto, sono un modello per le donne e gli uomini di ogni tempo. Costituiscono un incoraggiamento ad attraversare le difficoltà e a dare loro un senso”, afferma Irene Sanesi, presidente dell’Opera di Santa Croce.

L’iniziativa si inserisce in un programma articolato messo a punto dall’Opera di Santa Croce per l’anniversario dantesco con l’obiettivo di restituire la ricchezza e la complessità di Dante e della sua opera per farla parlare al tempo presente. In programma, per il settembre 2021, c’è il progetto Dante Poeta eterno di Felice Limosani che verrà presentato ufficialmente nelle prossime settimane. Promosso dal Comune di Firenze, dal Fondo Edifici di Culto (FEC) del ministero dell’Interno, dall’Opera di Santa Croce racconta la vita di Dante attualizzando in una forma espressiva multimodale le incisioni ottocentesche di Gustave Dorè, massimo illustratore della Divina Commedia. Un’altra lezione, su Dante e la fede, è quella del cardinale Gianfranco Ravasi che si svolgerà il 28 maggio 2021. L’iniziativa è promossa dalla Facoltà teologica dell’Italia Centrale in collaborazione con l’Opera di Santa Croce.

Dalla collaborazione tra la Comunità di San Leolino, l’Opera di Santa Croce e l’Opera di Santa Maria del Fiore è nata la mostra …con altra voce ritornerò poeta. Il Ritratto di Dante del Bronzino alla Certosa di Firenze che proseguirà fino al 31 dicembre. A introdurre le celebrazioni la lezione di Massimo Cacciari che si è tenuta alla Certosa di Firenze il 26 settembre scorso.

“Il complesso monumentale di Santa Croce è da sempre custode della memoria collettiva, luogo in cui valori universali e grandi personaggi sono ricordati tenendo vivo il legame che unisce conservazione del passato e costruzione del futuro”, afferma Stefano Filipponi, segretario generale dell’Opera di Santa Croce.

 

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*