Caos tamponi e quarantene, medici di famiglia subissati di richieste: “Ma i compiti sono del dipartimento di prevenzione” VIDEO

Notifiche di quarantena che arrivano in ritardo, quando la quarantena sta oramai per terminare. Tamponi che, dopo la richiesta del medico curante, si fanno attendere per una settimana, a causa della saturazione dei test disponibili e di falle nel sistema di prenotazione. Comunicazione dell’esito dei tamponi farraginosa. Il dipartimento di prevenzione della Asl Toscana centro, anche a Prato, è in grande affanno e buona parte delle incombenze e del disagio da parte dei cittadini si riversa sui medici di famiglia. A loro – in assenza di risposta dagli uffici competenti della Asl – si rivolgono i parenti di persone positive, per fare tamponi o per ricevere comunicazioni ufficiali sugli isolamenti domiciliari, fondamentali ad esempio per ottenere l’esonero dal lavoro con certificazione Inps.
A segnalare i disservizi sono gli stessi medici di base. “Siamo tempestati di telefonate di persone che si dicono contatti stretti di persone risultate positive e che chiedono risposte sui tamponi e sulle quarantene” – spiega il presidente della Fimmg Alessandro Benelli -. “Questi aspetti – continua Benelli – sono di competenza del dipartimento di prevenzione, la cui tempestiva presa in carico dei singoli casi è fondamentale. Sono loro a fare le indagini epidemiologiche; noi medici di base non abbiamo nessun mezzo per sopperire a questi compiti, che hanno risvolti amministrativi importanti, visto che le persone sottoposte ad isolamento devono anche essere comunicate alla Prefettura per i controlli da parte delle forze dell’ordine”.
Grossi disagi sono segnalati anche da Rosanna Sciumbata, coordinatrice di una Aft (raggruppamento di medici di famiglia) e vicepresidente dell’ordine dei medici di Prato.

Sia Benelli che Sciumbata fanno sapere che da giorni chiedono un incontro con i referenti del dipartimento di prevenzione e dell’Ufficio igiene della Asl per chiarire con precisione i rispettivi compiti e risolvere i problemi.

2 Commenti

  1. Io ho il covid e sono stata contattata solo oggi dopo 9 giorni dal 1 tampone
    Oggi mi hanno fatto il 2 tampone e mi hanno detto che mi daranno il risultato tra 1 settimana
    I miei figli sono a vivere a firenze e lunedì terminano i 10 giorni di quarantena con tampone negativo ed ancora non sono stati chiamati
    Io non ho parole

  2. A casa dal 28.10 perche mio figlio positivo al primo tampone…fatto 2 tampone dopo 10 risulta acora positivo a bassa carica e chiedi info al pediatra su vosa deve fare e borbotta dicendo che non lo devo più chiamare..assurdo…e noi a chi dobbiamo chiedere???

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*