La generosità dei pratesi premia l’Emporio: raccolti 153 quintali di prodotti. Tra i donatori anche il sindaco Biffoni

C’è anche il sindaco Matteo Biffoni tra i tantissimi pratesi che hanno contribuito alla raccolta alimentare pro Emporio donando parte della spesa. La grande mobilitazione che si è tenuta venerdì 16 e sabato 17 ottobre in nove supermercati della città ha permesso di riempire 1355 scatole contenenti 153 quintali di prodotti a lunga conservazione.

«Per l’Emporio si tratta di un ottimo risultato, che ci permetterà di riempire gli scaffali e dare così una risposta alle tante famiglie che stanno venendo da noi a fare la spesa», commenta Claudio Baldini, coordinatore del progetto solidale promosso oltre dieci anni fa da Diocesi, Comune, Provincia e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato per chi si trova in difficoltà economiche.

I venti della crisi alimentata dalla pandemia da Covid si fanno sentire anche all’Emporio. Nelle ultime settimane i prodotti distribuiti nel supermercato solidale di via del Seminario sono cresciuti del 15%. Alcuni giorni anche con punte del 30%. Attualmente sono 1200 le tessere attive settimanalmente. Ricordiamo che per fare la spesa all’Emporio non servono i soldi ma si usano dei punti spendibili attraverso l’uso di una tessera attivata per tre mesi da Caritas, San Vincenzo de Paoli, Volontariato vincenziano, Servizi sociali del Comune e Centro di Aiuto alla Vita. Dall’inizio dell’anno sono state oltre 1600 le famiglie bisognose sostenute da questo servizio.

I promotori dell’Emporio intendono ringraziare i tantissimi pratesi che hanno contribuito con generosità alla raccolta e anche gli oltre duecento volontari appartenenti alle associazioni e ai gruppi parrocchiali coinvolti nell’organizzazione. Un grazie a Lions Club Prato (Curzio Malaparte, Castello dell’Imperatore, Prato Centro e i Leo Club Prato e Montemurlo), San Vincenzo de Paoli, Gruppi di Volontariato vincenziano, Centro di Aiuto alla Vita, Gruppo Avis Verag, gruppi e Caritas parrocchiali di Maliseti, Mezzana, Soccorso e Santa Maria delle Carceri. Il trasporto delle scatole con i prodotti alimentari nei magazzini dell’Emporio è stato assicurato grazie all’aiuto di: Anai, Centro di Scienza Naturali, Misericordia, Croce d’Oro, Pubblica Assistenza, Associazione nazionale carabinieri in congedo.

1 Commento

  1. Anche questa volta non è mancato il mio contributo a cominciare dalla spesa fatta sabato mattina all’Esselunga di Viale Galilei dove erano presenti i volontari a dare i sacchetti trasparenti apposta per questo tipo di spesa con appeso i volantini in lingua italiana e cinese su cosa prendere perchè per via del corona virus non si potevano consegnare i volantini ed infine c’erano i volontari che si occupavano di fare le scatole contenente i vari generi alimentari ovvero: olio di semi, di oliva, biscotti, latte in polvere, tonno, minestra, pomodoro, mangiare per bambini e roba varie che è sempre ben accetto. Di solito prendo sempre un po di tutto ma questa volta mi sono concentrato sugli alimenti per i bambini perchè essi sono le prime creature innocue da difendere sempre come gli anziani che sono i più fragili. Nel pomeriggio ho prestato il mio servizio dalle 17:00 alle 20:00 per la “Prima Volta” al Supermercato Conad in Via Evaristo Gherardi a Coiano nella mia zona nativa perchè di solito vado alla Conad a Maliseti in Via Anna Kuliscioff o alla Coop di Via Giuseppe Valentini in cui non ha dato la sua disponibilità per questo servizio per via del Covid 19. HO prestato il servizio all’Esselunga di Viale Galilei: la prima volta Sabato 18 Febbraio 2006 quando c’era ancora il vecchio supermercato e la seconda volta Sabato 27 Maggio 2017 con i volontari dell’Emporio della Solidarietà. Un grazie di cuore a tutti quelli che hanno offerto il loro contributo compreso il sindaco della nostra città Matteo Biffoni e a tutte le varie associazioni di volontariato cattoliche e laiche della città perchè tutti insieme facciamo la differenza come ha detto il Coordinatore dell’Emporio della Solidarietà Claudio Baldini. Non amiamo a parole ma con i fatti della verità ci ricorda la Prima Lettera di San Giovanni apostolo quindi possano prevalere fatti concreti da poter essere di aiuto verso il bisognoso

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*