La Palazzina reale torna ufficialmente di proprietà del Comune di Poggio a Caiano

La palazzina reale, attuale sede del municipio, è ufficialmente proprietà del Comune di Poggio a Caiano in seguito alla firma che ieri ha sancito il passaggio di proprietà dall’agenzia del Demanio all’Ente. “Un lungo percorso che ci ha visti impegnati fin dall’inizio del mandato e che finalmente, grazie anche al grande impegno del nostro ufficio tecnico, ci consente di restituire ai poggesi un patrimonio che storicamente appartiene a questo territorio” dichiara il sindaco Francesco Puggelli.
L’amministrazione poggese ha colto l’opportunità offerta dal federalismo demaniale che permette di acquisire la proprietà di immobili dello Stato, di fatto già vissuti dalle comunità locali, per potersi prendere cura in maniera più diretta dei beni. Il passaggio da statale a comunale consentirà inoltre di risparmiare il contributo dovuto dal Comune allo Stato per l’affitto.
“Ci siamo messi subito a lavoro e da questa estate ad oggi, nonostante l’emergenza sanitaria, abbiamo rinnovato completamente la copertura, restaurato i cornicioni sulla facciata e abbiamo reso l’edificio più efficiente dal punto di vista energetico – aggiunge Puggelli – La Palazzina è stata infatti coibentata sia per avere un risparmio in bolletta che per proteggere i materiali e le finiture storiche di pregio del palazzo. Al risparmio portato dal non dover più pagare l’affitto allo Stato per gli uffici comunali, si somma anche un notevole risparmio sull’energia elettrica”.
“Al momento sono terminate le opere che hanno interessato la copertura ed ora si sta concludendo la riqualificazione dei locali sottotetto – aggiunge l’assessore ai Lavori Pubblici Tommaso Bertini – Negli stessi locali sono stati anche condotti dei saggi stratigrafici per poter poi concludere con la tinteggiatura. A quel punto anche questi spazi saranno rimessi a disposizione. Ringrazio l’ufficio tecnico e tutti i collaboratori dell’Amministrazione che si sono impegnati per questo straordinario risultato che interessa tutta la nostra comunità”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*