Nuove regole europee sul credito, Prato in Azione: “Modifiche inopportune, le banche diano supporto agli imprenditori”

Oggi, 1 gennaio 2021, entrano in vigore le nuove regole europee sul default, Prato in Azione – vista la persistente crisi economica causata dall’epidemia di Covid19 – sollecita istituzioni, Banche e Fondazioni affinché siano adottati dei correttivi perché le nuove e più stringenti norme non aggravino la posizione di cittadini ed imprese già in difficoltà. Il Regolamento europeo relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento, avrà un impatto nel modo con cui le banche e gli intermediari finanziari dovranno classificare i clienti a fini prudenziali. Questo produrrà sicuramente degli effetti sulle relazioni creditizie tra intermediari e clienti, come ad esempio l’adozione di iniziative per regolarizzare il rapporto creditizio.

L’Associazione Bancaria Italiana insieme a tutte le associazioni di categoria, ha inviato una lettera all’Unione Europea per chiedere di rimandare a tempi migliori l’entrata in vigore della norma.

Prato in Azione sostiene questa iniziativa di sensibilizzazione e auspica un’azione diretta del Governo che determini l’immediata sospensione delle nuove norme sussistendo tutti i presupposti per agire subito senza attendere le decisioni dell’UE a difesa del nostro tessuto economico.

Anche perché nessun aiuto pubblico, anche a fondo perduto, potrà in tempi brevi rimediare ai danni causati dalla pandemia, tanto meno se entrerà in vigore la nuova disciplina del default. La soglia di sopportazione degli imprenditori è ulteriormente scesa e le aziende che hanno deciso di non riaprire stanno diventando un numero importante senza considerare l’applicazione di provvedimenti miopi e intempestivi come le nuove regole su default. A Prato il comitato di Azione fa un appello agli istituti bancari operanti nella Provincia e alla Fondazione CRP perché costruiscano degli interventi specifici di supporto ad aziende ed imprenditori sulla linea di quanto realizzato per Firenze con il bando “Rinascimento”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*