Sugli scaffali alimenti infestati da parassiti e scaduti: sequestri dei Carabinieri forestali in un market di via Bologna FOTO

Vendeva prodotti alimentari infestati da parassiti e scaduti. Si tratta di un market etnico gestito da cittadini nigeriani in via Bologna, controllato dal personale del Nucleo investigativo dei Carabinieri forestali di Prato, presenti n una squadra interforze con la sezione radiomobile della stessa compagnia de carabinieri di Prato, l’Asl e l’Ispettorato al lavoro. I militari hanno accertato diverse violazioni. In particolare sono state trovate e sottoposte a sequestro penale e amministrativo circa 200 confezioni di prodotti alimentari che, come detto, erano state messe in vendita nonostante fossero in cattivo stato di conservazione o scadute o prive delle previste etichettature in lingua italiana. Oltre alle denunce penali, sono state elevate sanzioni amministrative per 4000 euro e impartite prescrizioni per sanare le irregolarità riscontrate. Durante l’accertamento è emersa anche la violazione dei sigilli e la dispersione di 472 alimenti già oggetto di un precedente sequestro sempre effettuato dai Carabinieri forestali. A far sparire la merce sequestrata, la stessa persona proprietaria dei beni e che era stata nominata custode giudiziale. Benché gli accertamenti portino a ritenere che siano stati distrutti e dispersi dai proprietari del negozio, i militari dell’Arma stanno indagando nel timore che tali alimenti possano essere stati  posti regolarmente in vendita ad ignari clienti. Nel punto vendita, gestito quale negozio a conduzione mirofamiliare, è risultato impiegato anche un lavoratore a nero.

 

1 Commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*