Montemurlo, al via alle liquidazioni dei contributi per le aziende in crisi. Il Comune sosterrà anche le palestre

Partiranno tra pochi giorni le liquidazioni dei contributi stanziati dal Comune di Montemurlo per sostenere le piccole attività del territorio del settore del commercio e dell’artigianato messe in crisi dall’emergenza sanitaria del Covid-19. Lo scorso gennaio, infatti, il Comune di Montemurlo aveva stanziato 300mila euro circa a favore di quelle attività del tessuto economico locale che più di altre avevano subito le conseguenze delle chiusure imposte dai vari Dpcm per contenere l’epidemia. Dopo la conclusione delle istruttorie, a breve sul sito istituzionale del Comune sarà pubblicata la graduatoria degli avanti diritto e quindi partiranno i pagamenti. Su 265 domande pervenute sono 213 gli ammessi, che nella maggior parte dei casi avranno accesso al contributo massimo pari a 1200 euro per un totale di risorse utilizzare pari a 235 mila euro. Le aziende che hanno fatto domanda sono piccole ditte del commercio e dell’artigianato con immobili in locazione, dove svolgono il propria attività. I 1200 euro quindi sono soldi preziosi per sostenere le spese per l’affitto dei locali. Le economie ottenute saranno utilizzate dall’amministrazione comunale per finanziare altre attività rimaste escluse dall’avviso ma che comunque hanno subito pesanti ricadute economiche a causa delle chiusure.

Qualche settimana fa il sindaco Simone Calamai, incontrando i due titolari della Maoriland e della Travel Machine di Montemurlo, aveva annunciato che avrebbe esteso i benefici del bando anche alle agenzie di viaggio ed oggi aggiunge anche un’altra importante categoria del settore dei servizi, le palestre: «La volontà dell’amministrazione comunale rimane quella di essere concretamente al fianco delle nostre imprese, sopratutto di quelle più piccole, che rappresentano una parte consistente del tessuto economico e sociale della nostra comunità. Come avevo annunciato alcune settimane fa, non appena avremo concluso le liquidazioni alle aziende che hanno partecipato all’avviso e l’inserimento dei loro dati nel registro degli aiuti di Stato, inizieremo a erogare gli aiuti anche alle agenzie di viaggio ma anche alle palestre e ci riserviamo di inserire anche altre categorie economiche che hanno subito pesanti perdite e difficoltà economiche. Decideremo nei prossimi giorni se fare un nuovo avviso o erogare le risorse a sportello: in ogni caso quel che è certo è che vogliamo estendere il più possibile i sostegni comunali alle aziende in crisi». Le palestre, infatti, sono state, nel settore dei servizi, tra le attività che hanno subito le maggiori perdite, considerando che oramai dallo scorso autunno sono chiuse. «Si tratta di una piccola forma di sostegno che vuole dare una mano alle nostre attività a non mollare, a resistere.- conclude l’assessore al Suap, Alberto Vignoli- Con i nostri uffici abbiamo lavorato celermente, affinché prima di Pasqua queste risorse potessero arrivare alle imprese del territorio e trovare così una boccata di ossigeno in questo periodo in cui a mancare è proprio l’aria, quella che da un anno ci ruba il virus».

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*