Rischio idrogeologico, interventi per oltre un milione di euro per la risagomatura di alcuni fossi

L’amministrazione comunale ha partecipato a settembre del 2020 ad un bando ministeriale che prevedeva finanziamenti legati ad interventi per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico e interventi di messa in sicurezza di strade, ponti e viadotti per un importo di 5 milioni di euro.

I progetti presentati sono stati tutti ammessi e per il 2021 è stata finanziata la prima tranche di circa 1 milione di euro legata alla messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico.

L’amministrazione metterà in atto interventi di messa in sicurezza e di risagomatura dei fossi lungo via del Leone per 4 km, via Mossa per le risaie per 1,4 km e via Bigoli per circa 1,2 km. Inoltre con risorse proprie l’amministrazione andrà ad intervenire in via di Castelnuovo e via delle Miccine con un esborso di 300 mila euro. Tutti questi interventi serviranno per mettere in sicurezza le abitazioni che si trovano lungo questi argini a rischio esondazione.

“In questi anni abbiamo lavorato su diversi fronti per mettere in sicurezza il nostro territorio rispetto al rischio idrogeologico – ha spiegato il sindaco Matteo Biffoni -. Si tratta di interventi strutturali e di manutenzione straordinaria e ordinaria che hanno portato a ridurre sempre di più i danni legati alle forti piogge e all’innalzamento dei fiumi. Lavorare per prevenire l’emergenza è fondamentale”.

Con i soldi del finanziamento ministeriale saranno realizzati interventi anche nella zona di Pizzidimonte, in via delle cave dove si è verificata una frana e sarà ricostruito il muro ceduto oltre a fare l’intervento idraulico necessario.

“Per la prima volta, grazie a questo importante finanziamento e anche a risorse interne dell’amministrazione, andiamo a fare lavori necessari e richiesti da tempo – ha affermato l’assessore Cristina Sanzò -. Abbiamo in programma diversi interventi e abbiamo dato una priorità legata appunto alla vicinanza alle abitazioni. Negli anni successivi gli interventi riguarderanno la messa in sicurezza dei ponti cittadini, con lavori di ristrutturazione e verifica della staticità oltre che sulle strade perché ne abbiamo alcune che, nonostante gli interventi annuali, necessitano di riasfaltatura e di sistemazione del sottofondo”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*