Aperto il bando per l’assegnazione degli orti sociali di via Pola a Oste

Coltivare un orto per curare la mente e affrontare con più serenità anche questo difficile periodo di emergenza sanitaria. Il Comune di Montemurlo ha pubblicato l’avviso per la concessione di alcuni appezzamenti di terreno degli orti sociali di via Pola a Oste. Gli interessati possono presentare domanda entro il 30 aprile prossimo.

«Gli orti sociali rappresentano una bella opportunità opportunità per tanti anziani per uscire da casa e svolgere un’attività sana che fa bene al fisico e rilassa la mente. – spiega l’assessore alle politiche sociali, Alberto Fanti – In questo periodo di emergenza sanitaria abbia capito con ancora più forza quanta importanza a livello sociale ricoprano questi spazi, che vogliamo sempre più promuovere, favorendo la vita all’aria aperta. Un modo per ottenere una piccola produzione di ortaggi per le necessità della famiglia e per sentirsi sempre utili e attivi anche dopo la pensione»

Gli orti, che si sono liberati e che quindi devono essere riassegnati, sono il numero 5, 8, 31 e 42. I partecipanti al momento della presentazione della domanda dovranno esprimere l’ordine di preferenza dell’assegnazione degli appezzamenti. Per presentare richiesta di concessione di un orto occorre possedere specifici requisiti. È necessario essere residenti nel Comune di Montemurlo, aver compiuto 60 anni, essere pensionati e non svolgere alcuna attività lavorativa, non essere in possesso di alcun appezzamento di terreno, né avere la disponibilità di altro terreno da coltivare nel territorio del Comune di Montemurlo o in zone limitrofe nel raggio di dieci chilometri. Inoltre, è necessario non avere nel proprio nucleo familiare nessun componente che sia in possesso di appezzamenti di terreno, né abbia la disponibilità di altro terreno da coltivare sul territorio del Comune di Montemurlo o in zone limitrofe e non avere in concessione orti urbani a Montemurlo.

Le domande di partecipazione all’avviso, da redigere in carta semplice secondo l’allegato b, scaricabile dal sito del Comune di Montemurlo (www.comune.montemurlo.po.it) dovranno essere inoltrate a mezzo raccomandata a/r o tramite consegna a mano in orario d’ufficio, all’ ufficio protocollo (via Montalese 472/474 Montemurlo), apponendo sulla busta chiusa la dicitura “domanda di partecipazione avviso orti sociali”, oppure via e-mail all’indirizzo protocollo@comune.montemurlo.po.it o tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) all’indirizzo comune.montemurlo@postacert.toscana.it, specificando nell’oggetto nome, cognome.Le domande dovranno dovranno essere sottoscritte dall’interessato e accompagnate dalla copia di un suo documento di identità in corso di validità (e di permesso di soggiorno in caso di cittadini extracomunitari). La domanda va presentata entro le ore 12 del 30 aprile 2021.

L’avviso, il modulo di domanda e gli allegati sono scaricabili dal sito istituzionale del Comune di Montemurlo oppure si possono richiedere all’ufficio politiche sociali (piazza Don Milani 2 ) previo appuntamento telefonico da fissare chiamando, in orario d’ufficio, i seguenti numeri: 0574/558556 – 558524.La graduatoria degli aventi diritto sarà formulata dal Servizio Politiche Sociali secondo l’ordine decrescente di età dei partecipanti e riguardo alla scelta dell’appezzamento di terreno, secondo le preferenze espresse nella domanda di partecipazione all’avviso.La graduatoria avrà validità fino al 31 dicembre 2021 e potrà essere utilizzata, qualora si rendano disponibili, nell’area di via Pola, ulteriori orti sociali, a seguito di rinunce, decadenze o revoche degli assegnatari.

A breve partirà anche il progetto di restyling degli orti di via Pola che diverranno sempre più belli, accoglienti e accessibili. Il Comune ha infatti richiesto un finanziamento di 35 mila euro alla Regione bando “Centomila orti in Toscana. Tra le azioni principali del progetto di miglioramento degli orti di via Pola c’è una speciale attenzione verso la piena inclusione delle persone con disabilità. Una parte di appezzamenti, infatti, sarà attrezzata a “misura di disabilità” con il piano di coltivazione rialzato per rendere accessibili ai diversamente abili le particelle ortive. I miglioramenti previsti riguarderanno anche gli impianti idrici. Gli orti sono già dotati di un pozzo e di una cisterna, ma per aumentare la portata dell’acqua ai singoli appezzamenti di terreno sarà sistemata una cisterna supplementare esterna da 5 mila litri.

Nella foto l’assessore Alberto Fanti negli orti di via Pola

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*