Bando Comunità educanti, dalla Fondazione Cassa di Risparmio risorse al Terzo settore per preparare i progetti

La Fondazione Cassa di Risparmio di Prato mette a disposizione risorse – fino a 5 mila euro – per sostenere i soggetti del Terzo settore del territorio pratese che hanno scelto di impegnarsi  nella progettazione di iniziative da candidare al bando per le Comunità educanti che scade il prossimo 30 aprile. Il Bando stanzia in tutto circa 20 milioni di euro – circa 779 mila per la Toscana – ed è promosso dall’impresa sociale Con i bambini, soggetto attuatore del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile partecipato da ACRI.

Il Bando ha l’obiettivo di favorire il potenziamento di “comunità educanti” efficaci, capaci di offrire risposte ai bisogni educativi di bambini, bambine e adolescenti specialmente in questo momento di emergenza a causa della pandemia.

“Il nostro auspicio è che il territorio pratese riesca a fare squadra e a far emergere un progetto condiviso che metta al centro l’educazione dei bambini e dei ragazzi – sottolinea il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Prato, Franco Bini -. La realtà che stiamo vivendo chiede a tutti un cambio di passo e tutti insieme possiamo aiutarci a dare continuità a buone pratiche esistenti, a favorirne lo sviluppo e a creare percorsi innovativi, mettendo insieme  esperienze diverse ma complementari”.

Il bando ha l’obiettivo di incoraggiare le alleanze e le reti di collaborazione, nella convinzione che rappresentano una delle più virtuose ed efficaci strategie per produrre sviluppo educativo e per rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la crescita integrale dei bambini.

Per incentivare una partecipazione qualificata e di rete al bando la Fondazione Cassa di risparmio di Prato è pronta a riconoscere fino a 5 mila euro per le spese di progettazione a fronte di una iniziativa che veda una partnership estesa ad almeno dieci soggetti. Il contributo sarà erogato indipendentemente dall’esito del bando stesso.

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*