Nuova ordinanza della Regione, la zona rossa a Prato scadrà sabato pomeriggio alle ore 14: “Se i contagi lo consentiranno, negozi aperti nel weekend”

L’ordinanza regionale che impone la zona rossa in provincia di Prato anche per la prossima settimana scadrà sabato pomeriggio, 17 aprile, alle ore 14. L’ha deciso il governatore Eugenio Giani, nella speranza che i contagi nel periodo che va da venerdì 9 a giovedì 15 aprile scendano al di sotto della soglia di 250 positivi ogni 100mila abitanti e che la quota di ricoveri al Santo Stefano scenda al di sotto della soglia di guardia.
Di fatto Giani ha deciso di anticipare di un giorno e mezzo la scadenza della zona rossa, che di solito termina il lunedì mattina. Questo nella speranza che Prato possa avere dati da zona arancione e così da consentire ai negozi di abbigliamento, ai parrucchieri e alle estetiste, solo per citare alcuni settori che potrebbero riaprire in zona arancione, di guadagnare un weekend di lavoro.
Come detto comunque tutto dipenderà dall’andamento del contagio. La provincia di Prato resta anche la prossima settimana in zona rossa, mentre il resto della Toscana eccetto Firenze diventa arancione, perché ha un tasso di contagi pari a 306 positivi ogni 100mila abitanti. Purtroppo però il nuovo periodo di conteggio dei dati non è partito nel migliore dei modi per la nostra provincia. Ieri infatti ci sono stati 158 nuovi positivi e oggi si è toccato quota 108. A meno di un repentino crollo dei contagi, quindi, appare molto difficile che Prato possa avere numeri tali sabato pomeriggio prossimo da rientrare nei parametri della zona arancione.
“Abbiamo voluto introdurre un elemento di speranza per le attività produttive – spiega Giani – Alcuni settori tornando in zona arancione dal pomeriggio di sabato 17 aprile, potranno così pensare ad un fine settimana di riaperture”. “Credo – aggiunge il governatore – che questo sarà un sacrificio destinato a dare i suoi frutti e che, con l’accelerazione della campagna vaccinale e l’arrivo di migliori condizioni climatiche porterà la situazione a stabilizzarsi” conclude il presidente della regione.

1 Commento

  1. Poveri a noi…. Scollegati dalla realtà… Fino a che non arrivano i vaccini dobbiamo rimanere rossi allora non si è capito nulla! Io in ospedale ci sono già andato e NON ci voglio tornare.. Poi fate voi!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*