Vaccini, rebus forniture Pfizer: a rischio gli appuntamenti dalla metà di luglio. Bezzini: “Ma i richiami saranno garantiti” VIDEO

Ancora nessuna certezza sull’arrivo delle dosi di vaccino Pfizer per il mese di luglio. Anche negli uffici della Regione Toscana si brancola nel buio in attesa di avere comunicazioni ufficiali, da parte del Governo, sulla percentuale di riduzione delle forniture del siero, che secondo notizie ufficiose potrebbe oscillare tra il 5% e addirittura il 40%. Non sono a rischio i richiami, chiarisce l’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini, che garantisce l’inoculazione delle seconde dosi. Ma il grande punto interrogativo restano gli appuntamenti prenotati a partire dal 10/15 luglio.

Anche il portale regionale per le prenotazioni è sospeso da qualche giorno in attesa di novità da Roma e ripete Bezzini, sarà riattivato solo quando il nodo forniture verrà sciolto.
Passando allo specifico territorio pratese, il report dell’Asl sull’andamento della campagna vaccinale consente di tirare un po’ le fila. Ad oggi oltre la metà dei residenti in provincia di Prato ha ricevuto la prima dose del vaccino antiCovid mentre un quinto ha completato il ciclo vaccinale. Avvolto nel mistero resta però il dato sulla percentuale di dosi destinate in questi mesi di pandemia alla provincia pratese sul totale degli approvvigionamenti ricevuti dall’Asl Toscana Centro. Dalla Regione (che distribuisce le fiale alle Aziende sanitarie locali) assicurano che il rifornimento è stato e continua ad essere proporzionale alla popolazione residente.

Sta di fatto che, sempre il dossier dell’Asl, certifica che 1/3 di chi ha scelto di vaccinarsi è stato costretto a recarsi fuori dalla provincia pratese per essere immunizzato. Un fenomeno, quello del pendolarismo vaccinale, che solleva più di qualche dubbio rispetto all’organizzazione logistica della campagna sanitaria locale contro il Coronavirus.

1 Commento

  1. Mesi e mesi che mando al presidente Giani SMS di protesta x la campagna vaccinale a Prato i dati parlano chiaro ultima provincia x vaccini.Da Biffoni ne una parola ne una protesta e xke?SIETE PD TUTTI E DUE E ALLORA LE PERSONE LA LORO SALUTE VIENE PRIMA DI TUTTO

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*