Botte, offese e minacce di morte nei confronti dell’anziana madre: 68enne condannato a 3 anni

Minacce di morte, offese, percosse: in una parola, maltrattamenti del tutto gratuiti. E’ l’incubo che è stata costretta a vivere una 90enne, umiliata e derisa dal figlio convivente, un cittadino pratese di 68 anni. L’uomo, pare senza motivi apparenti, aveva adottato nei confronti della madre un atteggiamento aggressivo, fatto di vessazioni, prevaricazioni e botte. L’anziana era stata praticamente isolata da amici e parenti stretti perché il 68enne non gradiva la presenza in casa di altre persone e deteneva, di fatto, il controllo sulla vita della donna. Persino i vicini si erano resi conto che il clima si era fatto pesante. I fatti, contestati fino al febbraio di quest’anno, hanno portato alla condanna a 3 anni dell’uomo, con giudizio abbreviato. Il 68enne, al momento del giudizio, si trovava già in carcere (dove era recluso, appunto, dal febbraio 2021) per gli stessi motivi.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*