8 Settembre 2021

Il Gigliato d’argento a Pompeo Taurasi, Maria Petrà e Franco Riccomini: tre pratesi d’adozione con la città laniera nel cuore

Stamani la cerimonia ufficiale di consegna in Palazzo comunale. I tre si sono distinti per l'impegno in ambito sociale, assistenziale e culturale


Pompeo Taurasi, Maria Petrà e Franco Riccomini. Sono i tre nomi che il Comune di Prato ha deciso di premiare in occasione dell’8 Settembre, conferendo il Gigliato d’argento, una delle massime onorificenze cittadine che vengono riservate a chi si è distinto per particolari meriti. Nessuno dei tre è pratese di nascita ma tutti e tre lavorano o hanno lavorato a Prato con impegno e tenacia, mettendosi a disposizione della comunità. Si tratta, appunto, di Taurasi, storico volontario della Pubblica Assistenza L’Avvenire di Prato e colonna portante della Sezione di Figline; della presidente della Sezione Femminile della Misericordia di Prato, Maria Petrà, e dello scrittore e giornalista Franco Riccomini, scomparso nel 2014 (in questo caso il riconoscimento, conferito postumo, è stato ritirato dai familiari). Cerimonia partecipata e particolarmente sentita, che si è svolta intorno alle 12.30 nel Salone consiliare del Comune alla presenza delle istituzioni cittadine.

Di seguito il servizio che riassume la vita e l’impegno dei tre.

 

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
franco
franco
15 giorni fa

Complimenti a Pompeo!
Aveva un bar latteria – con sua moglie – nella starda dove vivevo a Firenze.