16 Settembre 2021

Il Vescovo scrive una lettera alla Diocesi. Domenica celebrerà messa alla Castellina

Mons. Nerbini andrà nella chiesa dell'Annunciazione per incontrare la comunità in segno di vicinanza e di condivisione della sofferenza dopo la vicenda di don Francesco Spagnesi


Il vescovo Giovanni Nerbini ha scritto una lettera indirizzata a tutti i fedeli e ai sacerdoti della diocesi di Prato a seguito della dolorosa vicenda che vede coinvolto don Francesco Spagnesi. La richiesta è quella di darne lettura durante le celebrazioni che si terranno domenica nelle chiese pratesi.
Mons. Nerbini ha deciso di inviare un messaggio «in questo momento difficilissimo della vita diocesana» per «capire cosa ci viene chiesto in questa difficile ora». L’invito è alla preghiera in casa e in famiglia. «Abbiamo assoluta necessità di vivere il Vangelo – scrive il Vescovo – tutto, sempre, ovunque, nelle piccole cose come nelle grandi circostanze». Infine chiede di avere «un cuore pieno di misericordia, di amore e di perdono per tutti», perché «gli errori di qualcuno non possono e non debbono nascondere la verità oggettiva».

Domenica 19 settembre monsignor Nerbini presiederà la messa festiva delle ore 11,15 nella chiesa dell’Annunciazione alla Castellina. La volontà del Vescovo è quella di incontrare la comunità parrocchiale in segno di vicinanza e di condivisione della sofferenza per quanto accaduto.

 

Di seguito il testo della lettera scritta dal vescovo Giovanni Nerbini

 

A tutti i fedeli, ai sacerdoti, ai religiosi e religiose.

Fratelli e sorelle siamo, in questo momento difficilissimo della vita diocesana, accanto a Maria sotto la croce trapassati dal dolore, soprattutto per la nostra santa Chiesa ancora una volta calpestata e travolta dallo scandalo e dal conseguente discredito. Vogliamo guardare a Cristo crocifisso per capire cosa ci viene chiesto in questa difficile ora, cosa dobbiamo fare:

Sento di dare a me ed a voi poche semplici ma importanti indicazioni:

Siamo invitati a pregare Maria perché ci sia vicino come rimase vicina al Figlio nel momento della agonia e della morte. Facciamolo in casa nostra, in famiglia, nel segreto della nostra camera invocando lo Spirito perché rinnovi tutti noi, abbiamo bisogno di vivere l’esperienza che Ezechiele annuncia: “io vi purificherò da tutte le vostre sozzure da tutti i vostri idoli, vi darò un cuore nuovo metterò dentro di voi uno spirito nuovo”. Abbiamo bisogno di essere purificati. Senza questa trasformazione e conversione, personale e comunitaria non è possibile testimoniare Cristo né costruire alcunché. Chiedo a chi può farlo di recarsi in uno dei nostri santuari diocesani per invocare l’intercessione materna di Maria.

Abbiamo poi assoluta necessità di vivere il Vangelo, TUTTO, SEMPRE, OVUNQUE, nelle piccole cose come nelle grandi circostanze. Ogni volta che trascuriamo qualcosa che ci raccomanda: la semplicità, la purezza, l’amore fraterno, il perdono apriamo le porte ai nostri limiti naturali e ci condanniamo all’infruttuosità.

Ci viene chiesto infine, e può apparire paradossale, di avere un cuore pieno di misericordia, di amore e di perdono per tutti. Mentre accettiamo la sofferenza di quest’ora non perdiamo di vista il grande patrimonio di bene di cui la Chiesa è depositaria e per dono del Signore e per il diuturno impegno di sacerdoti e laici straordinari. Gli errori di qualcuno non possono e non debbono nascondere la verità oggettiva.

Carissimi, non perdiamo la speranza, viviamo questo tempo con serenità e fiducia. Guardiamo la croce. Solo attraverso la croce noi possiamo intravedere la luce della resurrezione che tutto trasfigura. In questa luce possiamo comprendere che il nostro soffrire non è vano, non sono inutili le nostre preghiere e il cercare di essere coerenti con la nostra fede. Se abbiamo la capacità di accettare umilmente questa prova con Cristo e come Cristo l’ha accolta, ne usciremo totalmente trasformati e con Lui potremo anche vivere la gioia della resurrezione della nostra Chiesa e tornare a testimoniare con le buone opere la nostra fede.

Vi abbraccio tutti.

 

+Giovanni

 

 

 

Il testo della lettera in formato pdf

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano
Stefano
1 mese fa

Potrei suggerire, per le prossime volte, di non aspettare un anno a sospendere il prelato disonesto oltre a fare , come spero sia stato fatto, celere denuncia.
Ciò darebbe credibilità molto più della chiamata alla preghiera …

CARLO
CARLO
1 mese fa

Ma sul fatto che il vescovo sapesse già da aprile non se fai mai cenno … La chiesa ci chiede di confessare i nostri peccati e cercare l’indulgenza per avvicinarci a nostro Signore; loro mio parere hanno fatto il contrario, non hanno confessato al popolo di Dio una loro difficoltà … Mi sembra, come si suol dire, “un peso e due misure”.