28 Ottobre 2021

Pecci, il mondo della cultura italiana si schiera dalla parte dell’ex direttrice Cristiana Perrella

Lunga lettera di solidarietà a seguito della revoca dell'incarico, agli inizi di ottobre, da parte del cda del Centro presieduto da Lorenzo Bini Smaghi . Tra i firmatari anche Edoardo Nesi e Sandro Veronesi


Ci sono critici, attori, scrittori, accademici, galleristi e registi tra i firmatari della lunga lettera di solidarietà a Cristiana Perrella, l’ex direttrice del Centro Pecci il cui incarico è stato revocato lo scorso 8 ottobre dal Consiglio d’amministrazione presieduto da Lorenzo Bini Smaghi. Una fetta importante del mondo della cultura italiana ha deciso di schierarsi così, in modo pubblico, dalla parte di Perrella, che era alla guida del Centro dal 2018, criticando senza mezzi termini la scelta del cda.

Nel documento, sottoscritto da un’ottantina di personalità, figurano personaggi di rilievo come il critico Achille Bonito Oliva, l’architetto Stefano Boeri, gli scrittori Edoardo Nesi e Sandro Veronesi, lo storico dell’arte Tomaso Montanari e nomi del mondo dei media e del cinema come Valeria Solarino e Serena Dandini. Tutti esprimono “supporto, apprezzamento e condivisione” per l’idea di museo che è stata portata avanti in questi anni, e non nascondono lo “stupore e l’amarezza” per il modo in cui quell’esperienza si è conclusa. A febbraio del 2021 il contratto di Perrella era stato infatti rinnovato per un altro triennio, ma poi agli inizi di ottobre è arrivato il benservito. Secondo il cda esisteva un accordo verbale tra le parti per il quale Perrella avrebbe in realtà dovuto lasciare l’incarico a inizio 2022, dando le dimissioni il 1° ottobre con sei mesi di anticipo. Le dimissioni della direttrice, il 1° di ottobre, però non sono arrivate, così il cda della Fondazione si è mosso autonomamente. Il perché dell’addio – sempre secondo il cda – sarebbe da ricercare nella differenza di strategie.

La vicenda però non è andata giù a molti professionisti e intellettuali italiani che nella missiva riconoscono il valore aggiunto di Perrella, ritenuta capace di aver dato identità, forza e credibilità all’istituzione e di aver contribuito a rendere il Pecci “un’eccellenza nel panorama delle istituzioni italiane dedicate al contemporaneo”. Proprio domani il presidente Bini Smaghi verrà sentito in audizione in Commissione Controllo e Garanzia del Comune, presieduta da Leonardo Soldi, per fare chiarezza e ricostruire quanto accaduto.

“Oggi anche solo affermare di voler ‘tornare ai vecchi fasti’ suona inappropriato e fuori tempo – rimarcano dunque firmatari della lettera pubblica -. Piuttosto che guardare nostalgicamente indietro per cui ‘vi vuole un manager e non un curatore’ per dirigere un museo, occorre immaginare nuovi formati, nuove alleanze e una nuova capacità di rispondere in modo creativo – concludono – alle urgenze della nostra epoca”.

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
d-l-f-h
d-l-f-h
1 mese fa

Tutti profondi conoscitori del Pecci questi firmatari, nonché dell’opera del direttore.. Di tutti i firmatari gli unici ad averci messo piede un paio di volte per presentare i propri libri probabilmente sono Veronesi e Nesi, gli altri penso non sappiano neanche esattamente dove si trova, Boeri per fare un esempio ne è così innamorato che quando c’è stato il mega evento di presentazione di Urban Jungle era in collegamento online (e con una gran fretta), ciononostante si sentono autorizzati a pontificare su cosa sia meglio per il centro e per la città.

Hanno per caso anche spiegato nell’appello, quindi, come mai i visitatori siano così pochi, e l’eco mediatico di qualunque cosa venga fatta al Pecci sia praticamente nullo?

Per avere un’idea, provare a cercare “contemporary art tuscany” e vedere quanto bisogna scorrere in basso per trovarlo anche solo nominato, provare per credere!

Sentire poi l’opposizione in commissione difendere il direttore a spada tratta, suscita particolare ilarità, lo sanno di essere sulle stesse posizioni di Achille Bonito Oliva?

Bini Smaghi ha tra l’altro logicamente risposto che gli investitori non investono se non vedono un progetto che possa attirare persone, piuttosto che compiacere i vari intellettuali italiani, e che un museo deve essere fruibile dalla cittadinanza piuttosto che da pochissimi eletti (che comunque non lo visitano), per cui sarebbe auspicabile una figura manageriale invece di un “intellettuale gramsciano”. Si potrà essere d’accordo o no, ma non fa una piega.

Esprimo dunque enorme apprezzamento per la decisione e per le parole del presidente, e voglio aggiungere che, come si è visto in questa città in diverse occasioni anche in ambito elettorale, l’opinione che sembra emergere leggendo social e commenti online vari, è spesso radicalmente diversa da quella della maggioranza dei cittadini (che per fortuna amano tenere un profilo più basso).

Grazie presidente, La prego vada avanti per la sua strada!