13 Gennaio 2022

Covid, beffa per gli atleti agonisti: in centinaia bloccati per colpa della burocrazia

Il periodo di convalescenza è stato ridotto, ma il nuovo protocollo deve ancora ottenere il via libera dal Cts e dal ministero della salute


Il protocollo è stato modificato dalla federazione dei medici sportivi, ma da una settimana l’entrata in vigore resta bloccata dalla burocrazia ministeriale. E’ quanto sta accadendo nel mondo dello sport, dove centinaia di atleti agonisti sono intrappolati nella convalescenza post Covid. Solo la scorsa settimana sia il Comune che la federazione dei medici sportivi avevano annunciato le modifiche al protocollo ‘Return to play’, col quale si diminuiva da trenta giorni a una settimana il periodo di convalescenza per gli atleti under 40 positivi al covid ma asintomatici.
Peccato però che per essere valido il nuovo protocollo deve ottenere il via libera dal Comitato tecnico scientifico e dal ministero della salute, e questo ancora non è avvenuto nonostante il pressing di medici, federazioni sportive e società.
Nel mezzo a questo caos ci sono gli atleti, che hanno preso d’assalto il dipartimento di medicina dello sport di via Lavarone e gli istituti privati per chiedere di effettuare la visita medica agonistica. La risposta per tutti però è stata sempre la stessa: a oggi servono 30 giorni di convalescenza per tornare a fare agonismo. Con buona pace di famiglie e atleti che rischiano di vedere saltare competizioni regionali, nazionali e ripartenza dei campionati.
“Purtroppo abbiamo le mani legate – spiegano dalla federazione dei medici sportivi -. Non possiamo applicare il nuovo protocollo senza l’ok del ministero, perché se ci fossero dei piccoli correttivi da applicare, poi le visite mediche fino a quel momento effettuate non sarebbero più valide” concludono gli specialisti dello sport.

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments