13 Ottobre 2022

Sei operai a nero, sospesa l’attività di una confezione

Diverse le violazioni riscontrate dal gruppo interforze, che nel 2022 ha controllato soltanto 7 imprese


Sei operai a nero su una forza lavoro di 17 persone. È quanto ha scoperto in una confezione cinese di Prato il gruppo interforze per la legalità nelle attività produttive. Il controllo, scattato ieri, ha portato alla sospensione dell’attività e a sanzioni in materia giuslavoristica per un totale di 20.800 euro. I 17 operai, di cui 4 pakistani e 13 cinesi, erano tutti in regola con il permesso di soggiorno. Illeciti penali sono stati invece riscontrati in materia antincendio; ulteriori sanzioni amministrative sono state comminate per inottemperanza al divieto di fumo nei luoghi di lavoro, per l’uso improprio di un locale che era stato adibito a cucina e di uno adibito, tramite divisori interni abusivi, a dormitorio con una postazione letto. È stato inoltre impartito il divieto d’uso delle macchine da cucire, risultate prive dei dispositivi di protezione e del marchio C.E.
Al blitz interforze, definito in Prefettura e coordinato dalla Questura, hanno partecipato vigili del fuoco, guardia di finanza, polizia municipale, Ispettorato territoriale del lavoro, Inps, Asl e Alia.
Quello di ieri è stato il 21° controllo interforze dalla costituzione del gruppo, nella formazione attuale, siglata in Prefettura nel giugno 2021. Da allora sono state ispezionate in totale 42 aziende. La gran parte delle attività sono state effettuate nel 2021, con 35 aziende verificate nel corso di 16 operazioni. Mentre quest’anno il gruppo interforze ha sin qui ridotto la propria attività: nel 2022 sono soltanto 5 gli interventi messi in campo, con 7 aziende controllate. Dalla Prefettura si sottolinea che altre operazioni del gruppo interforze sono programmate nelle prossime settimane e che i numeri a fine anno si avvicineranno a quelli del 2021.

Foto di archivio

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments