6 Ottobre 2022

Sicurezza al Serraglio, l’assessore Leoni a FdI: “Dai parlamentari ci aspettiamo soluzioni, non comizi”

L'assessore comunale Flora Leoni risponde alla deputata di Fratelli d'Italia Chiara La Porta, che aveva invocato un intervento più incisivo di Comune e Regione per aumentare la sicurezza nella zona del Serraglio


“Prima di dare ricette per il miglioramento dell’area del Serraglio probabilmente Fratelli d’Italia farebbe bene a ricordare anche come l’abbiamo ereditata dopo cinque anni di amministrazione di centrodestra: una zona completamente degradata e pericolosa, con furti e spaccio di droga ad ogni ora del giorno e della notte”. Così l’assessore alla Sicurezza Urbana Flora Leoni risponde all’intervento di Fratelli d’Italia sulla situazione della sicurezza al Serraglio.

“Dal 2014 l’area del Serraglio, del playground, di piazza Ciardi, di via Magnolfi e di via Santa Margherita è stata al centro di diversi interventi per riappropriarci di una porzione di centro storico e di città riportandovi sicurezza e vivibilità – prosegue l’assessore Leoni – L’obiettivo è stato fin da subito riportare funzioni pubbliche in zona in modo da cambiare la frequentazione dell’area e allontanare le presenze indesiderate. In questo solco sono state concepite le aperture delle sedi di Estra in via San Giorgio e di Estar in via Santa Margherita. E non solo. In tal senso è utile ricordare il rifacimento del giardino e dei marciapiedi di piazza Ciardi per renderli più sicuri e fruibili, la trasformazione del parcheggio superiore – dove si riscontrava un caso di overdose a settimana – in un playground molto frequentato dalle associazioni sportive, ma anche la chiusura dell’accesso ai binari nelle ore notturne, la ripulitura di tutti rovi e cespugli lungo la ferrovia, l’installazione di telecamere di videosorveglianza, la sistemazione dei giardini della Passerella, l’apertura del container con il bar e punto ristoro nell’ambito di Riversibility, la realizzazione del tratto di pista ciclabile alla scuola dell’Infanzia, l’istituzione di un presidio interforze delle piazze che poi nel tempo è stato esercitato dalla Polizia Municipale e dalle associazioni di volontariato e d’arma, che svolgono un servizio preziosissimo con il coordinamento della Prefettura, e la nascita del progetto Pop up lab proprio in via del Serraglio e vie limitrofe per la riapertura di esercizi commerciali con il contributo del Comune e della Regione Toscana. Un lavoro molto articolato, che abbiamo iniziato con la collaborazione di diversi servizi ed enti, come il Pin Polo Universitario Città di Prato che ha incrementato i propri seminari e i propri corsi diventando sempre più attrattivo per gli studenti”.

“Adesso la campagna elettorale è conclusa – dice infine l’assessore – forse gli esponenti locali di Fratelli d’Italia non se ne sono accorti, ma dai parlamentari ci aspettiamo soluzioni, non comizi. E vista l’ampia maggioranza che il loro partito ha in Parlamento, auspichiamo che presto siano risolti gli annosi problemi di organizzazione e organico che coinvolgono le Forse dell’Ordine e il Tribunale. C’è ancora tanto da fare e il nostro lavoro prosegue tuttora guardando al futuro , anche con la progettazione, già esecutiva, del distaccamento della Polizia Municipale che sorgerà al Serraglio e con la riqualificazione della piazzetta Lippi”.

 

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Già Gianni
Già Gianni
1 mese fa

È indubbio che qualcosa anno fatto siamo vicini a due mandati senza considerare le grandi risorse che anno avuto in eredità ma lincivilta che c’è si combatte con la volontà senza ripararsi sempre dietro la mancanza di risorse così si scaricano le responsabilità, esempio vicino alluni euro c’è una discarica permanente che non sia mai passato ne un vigile ne polizia o qualcun altro maaa