Non solo confezioni, anche un tomaificio
Sequestrato dalla squadra Interforze

Un tomaificio cinese è stato sequestrato dalla squadra interforze, intervenuta ieri pomeriggio a Narnali per controllare un capannone oggetto di alcuni esposti da parte degli abitanti della zona. All’interno del magazzino gli operatori, appartenenti a polizia, vigili urbani, Inps, polizia stradale, Direzione provinciale del lavoro, Agenzia delle Entrate e Asm, hanno trovato una situazione di estremo degrado e assoluta mancanza di sicurezza: ventisei fusti di colla adesiva e solventi, altamente infiammabili, erano accatastati alla rinfusa, in assenza di estintori funzionanti. Il materiale è stato sequestrato, assieme a10 metri cubi di pellame e tomaie utilizzati per il confezionamento della merce. Nella ditta operavano 14 cinesi, di cui due clandestini e molti lavoratori a nero, per cui l’attività è stata sospesa dalla Direzione provinciale del lavoro. Il titolare cinese, assente al momento del controllo, sarà denunciato per favoreggiamento all’immigrazione clandestina e impiego di manodopera clandestina. Durante le operazioni, la polizia stradale ha controllato in strada nove veicoli, facendo quattro multe e denunciando un 24enne marocchino per trasporto abusivo di rifiuti non pericolosi, con il sequestro penale del mezzo utilizzato.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*