Anche l’Uip all’incontro di preparazione all’Assise di Confindustria sulle infrastrutture

C’era anche l’Unione Industriale Pratese all’incontro che si è svolto oggi a Firenze in Confindustria Toscana, con la partecipazione della Presidente Emma Marcegaglia e del Presidente nazionale della Piccola Industria Vincenzo Boccia, organizzato per preparare le Assise di Confindustria che si terranno il 7 maggio a Bergamo.  “Infrastrutture, ambiente ed energia” il tema al centro dell’incontro, a cui ha preso parte un nutrito gruppo di imprenditori pratesi, fra cui il presidente dell’Unione Riccardo Marini e il vicepresidente  Riccardo Matteini, che ha aperto la serie degli interventi. Matteini ha parlato di trasporti ferroviari – evidenziando il peggioramento del servizio da e per Prato su Roma e Milano e il mancato potenziamento dei collegamenti con l’Alta velocità – e di autostrade, ribadendo la necessità del completamento della variante di valico per il tratto appenninico, dell’ultimazione della terza corsia sulla A1 da Calenzano a Firenze Sud e sulla A11 nel tratto da Pistoia a Firenze. Confermata anche la posizione a favore dell’ampliamento dell’aeroporto di Firenze. Oltre che su trasporti e viabilità, sono stati affrontati anche i problemi dei rifiuti e dell’energia. “Sui rifiuti abbiamo ribadito l’allarme sia sulla necessità di adottare soluzioni efficaci per lo smaltimento sia sull’onerosità del servizio: due problemi che sono legati l’uno all’altro e che per essere risolti richiedono la volontà politica di affrontarli con coraggio, senza inseguire impossibili unanimità di consensi” afferma Matteini. “Le iniziative in via di realizzazione non ci lasciano tranquilli, in quanto non del tutto risolutive. Per il capitolo energia, abbiamo nuovamente sottolineato come i recenti cambiamenti in merito alle agevolazioni a favore delle energie rinnovabili abbiano generato un clima di incertezza. Nonostante i recentissimi provvedimenti che regolano nuovamente la materia, i danni ci sono e non sarà facile né recuperare la fiducia di investitori e banche né riassorbire la battuta di arresto che comunque c’è stata e che ha coinvolto anche produttori ed installatori”. “Quello delle infrastrutture è un tema strategico, sul quale non a caso l’Unione si sta spendendo intensamente non da ora” commenta il Presidente dell’Uip, Riccardo Marini, intervenuto ai lavori. “Prato è pesantemente penalizzata: per questo è importante che le istituzioni siano costantemente sensibilizzate e stimolate ad offrire tutti gli strumenti e le condizioni per colmare un gap che mina la competitività del nostro sistema economico”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*