Dimissioni nei reparti anche di domenica e nuovi medici in arrivo: il Pronto Soccorso di Prato si riorganizza

Si dimetterà e si visiterà i pazienti 7 giorni su 7, 24 ore su 24: il dipartimento di emergenza-urgenza della Asl Toscana Centro si riorganizza e mette in pratica proposte per migliorare problemi annosi dei Pronto Soccorso dell’area come sovraffollamento e lunghe attese per un letto. Per il Pronto Soccorso, che a Prato conta su una media di 250 accessi giornalieri, 100mila nell’intero 2016, il nodo non è il tempo impiegato per la prima presa in carico del paziente, bensì quello per la destinazione in reparto: in attesa dell’ampliamento, l’Ospedale punta dunque ad un’attività continua, soluzione che insieme all’arrivo di 4 nuovi medici entro l’estate dovrebbe dare respiro al reparto di emergenza. “Visto che per l’ampliamento dobbiamo ancora aspettare un po’, stiamo puntando sulla riorganizzazione interna per risolvere i problemi del Pronto Soccorso – spiega Simone Magazzini, direttore del Dipartimento Emergenza-Urgenza dell’Asl Toscana Centro – Lavorando 7 giorni su 7, si liberano posti letto in reparto e l’Emergenza può dare risposte più immediate ai pazienti che necessitano di ricovero: i dati ottenuti grazie alla collaborazione del Dipartimento delle Specialità mediche al riguardo sono discreti. Inoltre abbiamo aperto un’area con 6 box visita aggiuntivi e nell’arco dell’estate riorganizzeremo anche gli spazi interni”.

Il Dipartimento di emergenza-urgenza si articola in tre ambiti: Anestesia e rianimazione, che quest’anno ha 5 professionisti in più; Medicina d’Urgenza e 118. Quest’ultimo riceve in area Toscana centro più di un milione di chiamate l’anno, con circa 360mila schede aperte e 250mila pazienti soccorsi. I numeri sono stati offerti in occasione della conferenza di oggi del Dipartimento di Emergenza dell’Asl Toscana centro, area nella quale si sta attuando peraltro un processo di ‘armonizzazione’ tra i  10 presidi di Pronto Soccorso per dare omogeneità ai processi in termini di tempi di attesa e tempi di accesso al ricovero, erogazione dei servizi in generale.

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*