Commercialisti in festa per il tradizionale patrono: domani, San Matteo, messa e convegno sul restauro della Basilica della Natività di Betlemme

Giovedì 21 settembre la Chiesa ricorda San Matteo, patrono dei commercialisti. Per celebrare questa data importante l’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili ha organizzato un convegno dal titolo “Restaurare il Cielo”.

“Un appuntamento che si inquadra nei tradizionali eventi di approfondimento e conoscenza su tematiche di carattere etico e culturale – ha spiegato il presidente dell’Odcec di Prato Filippo Ravone – con sfondo economico tipico della ricorrenza. Quest’anno avremmo l’opportunità di conoscere da vicino, grazie alla viva voce del protagonista, un’esperienza eccezionale: quella del restauro della Basilica della Natività di Betlemme che sta eseguendo la Piacenti Spa, azienda pratese orgoglio per la nostra città”.

Saranno presenti alle celebrazioni, infatti, Giammarco Piacenti, CEO dell’omonima azienda, e Tommaso Santi, regista e sceneggiatore che ha realizzato un documentario sull’opera di restauro.

I festeggiamenti per San Matteo, protettore dei commercialisti, prenderanno il via la mattina alle 8,30 con la celebrazione della Santa Messa in Duomo, presieduta dal vescovo Mons. Franco Agostinelli. Si prosegue poi nel pomeriggio, a partire dalle 15,30 al Palazzo delle Professioni, con l’incontro “Restaurare il cielo”.

Ecco il programma completo:

Ad introdurre il convegno sarà il presidente dell’Odcec di Prato Filippo Ravone; alle 15,45 spazio a Giammarco Piacenti, col quale si parlerà di quattro anni di restauri nella Basilica della Natività a Betlemme. Alle 17,30 sarà proiettato “Restoring the Sky”, il documentario di Tommaso Santi che, nell’ambito della 57esima edizione dei Globi d’Oro 2017 ha vinto il “Gran premio della stampa estera”. I festeggiamenti si chiuderanno alle 18,30 con un aperitivo nel giardino di Palazzo Vaj.

La partecipazione all’incontro attribuisce, per gli iscritti all’Odcec, tre crediti di ordinamento per la formazione professionale continua.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*