Villa del palco si apre all’arte: al via due corsi di storia e iconografia. Obiettivo: aprire una scuola d’arte sacra

I Ricostruttori nella Preghiera, la comunità religiosa che da settembre 2016 ha in gestione Villa del Palco, hanno l’obiettivo di aprire una Scuola d’arte sacra a Villa San Leonardo al Palco, la casa diocesana dei ritiri spirituali.

«L’idea della Scuola d’arte sacra – afferma padre Matteo Pedrini dei Ricostruttori – è profondamente legata alla bellezza del luogo. L’arte, con la sua bellezza e lo stupore, innato e irrazionale, che trasmette all’uomo che la contempla, è capace di comunicare l’essenza del divino».

 

 

 

Il progetto prenderà avvio martedì 26 settembre alle 21, quando si terrà il primo incontro del corso di Storia dell’arte dal titolo «Contemplando il divino nell’arte». Si tratta di un ciclo di sei incontri a cadenza quindicinale a cura della Professoressa Elisa Gradi, storica dell’arte, che sarà seguito da altri tre cicli per una durata totale di due anni, per scoprire le tappe fondamentali dell’evoluzione artistica legata al divino dall’era paleocristiana fino a quella contemporanea.

 

«Il corso – afferma Gradi – avrà un taglio particolare, in quanto si focalizzerà sul dato spirituale delle opere d’arte. Il fine è quello di ricondurre le nozioni di storia dell’arte alla Parola, dunque al Vangelo».

Il primo incontro ha per titolo: «Dal paganesimo al cristianesimo»;  si prosegue il 10 ottobre con «L’oro come emanazione del divino», il 24 ottobre con «Il cuore del Medioevo», il 7 novembre con «La Bibbia dei Poveri», il 21 novembre con «L’alba di un tempo nuovo» e si concluderà il 5 dicembre con la lezione «Giotto e la sua scuola».

Quest’anno il corso di storia dell’arte sacra coinciderà con la scuola di preghiera diocesana, con l’obiettivo di dare concretezza all’unione tra spiritualità e arte perseguita dai Ricostruttori.

 

 

Altro progetto che i Ricostruttori hanno in cantiere è un corso di iconografia aperto a tutti, principianti ed esperti, in programma dal 14 al 18 maggio 2018. Si tratta di cinque giorni consecutivi di lezioni, suddivise tra mattina e pomeriggio.

I partecipanti al corso potranno imparare le basi e le tecniche dell’iconografia insieme ad un’esperta di raffigurazioni sacre: Cinzia Granata, monaca e iconografa allieva dei maestri Giancarlo Pellegrini e Alexandre Stalnov.

Il tema centrale del corso è il Mandylion, ossia l’immagine del volto di Cristo raffigurata sul tessuto conosciuto come «Telo di Edessa», risalente al VI secolo e da sempre venerato dalle comunità cristiane orientali. L’immagine è ritenuta miracolosa e definita per questo «acheropita», che significa «non realizzata da mani umane».  Al termine del corso ogni allievo potrà portare a casa l’icona realizzata durante le lezioni.

«Un corso di icnografia sacra – spiega Cinzia Granata – non serve soltanto ad imparare la tecnica pittorica, ma a leggere uno specifico linguaggio simbolico, fatto non di parole, ma di colori e simboli. Ad esempio, una tecnica molto utilizzata in iconografia è quella della tempera all’uovo. Il tuorlo d’uovo è il simbolo della vita».

Il ricavato di entrambi i corsi sarà destinato interamente alle attività dell’associazione «Tutto è vita», fondata 5 anni fa dai Ricostruttori e che oggi conta circa 20 volontari. L’associazione si occupa dell’accompagnamento spirituale al fine vita nella malattia e nel lutto.

Da questa estate l’associazione ha acquistato l’antico borgo di Mezzana nel comune di Cantagallo, un gruppo di case in rovina nella Val di Bisenzio, con l’intento di ricostruirlo e farne un centro formativo e spirituale per l’accompagnamento al fine vita, dove i futuri abitanti vivano secondo l’ecologia spirituale espressa dall’enciclica «Laudato si’» di papa Francesco.

Per partecipare ai corsi è necessario iscriversi inviando un’email all’indirizzo info@sanleonardoprato.it oppure telefonando al numero 377.1253268. Il costo del primo corso è di 50 euro per il primo ciclo, 10 euro per la singola lezione e 80 euro per i primi due cicli, corrispondenti a un anno di lezioni.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*