Sicurezza, Silli e Mazzetti interrogano il ministro Salvini: “Taser e avanzamento di fascia per la Questura di Prato”

Sperimentazione del taser in dotazione alla polizia e avanzamento della fascia di appartenenza per la Questura pratese. E’ quanto chiedono i deputati forzisti Giorgio Silli ed Erica Mazzetti per la propria città, in un’interrogazione rivolta al ministro dell’Interno Matteo Salvini, che giunge dopo l’ennesimo episodio di violenza che si registra a Prato, il pestaggio a sfondo razziale di una decina di cittadini cinesi nei confronti di un 32enne italiano (leggi l’articolo).

Citando i dati sulla criminalità in città e facendo riferimento all’attività svolta con abnegazione dalle forze dell’ordine, Silli domanda “con quali tempistiche il Ministro intenda promuovere la questura di Prato dalla fascia C alla fascia B, come promesso nelle scorse settimane, al fine di frenare l’escalation di atti di violenza e garantire maggiore sicurezza a tutti i cittadini della città di Prato”.

Silli chiede infine al ministro Salvini se non intenda “prevedere la sperimentazione del Taser (pistola elettrica, arma non letale) – come avverrà prossimamente in 11 città italiane – anche nella città di Prato nel tentativo di ridurre sia i rischi per l’incolumità personale degli agenti delle forze dell’ordine sia gli innumerevoli episodi di criminalità e microcriminalità”.

Il titolare del Viminale o un suo sottosegretario dovranno a questo punto riferire alla Commissione Interni, Sicurezza e Immigrazione della Camera dei Deputati, di cui Silli è componente.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*