Il sindaco di Poggio a Caiano sarà il nuovo presidente della Provincia di Prato

Francesco Puggelli ricoprirà il ruolo di presidente della Provincia di Prato. Il sindaco di Poggio a Caiano lo rende noto dopo una riunione con i sindaci dell’area pratese che lo hanno indicato come successore di Matteo Biffoni, in vista delle elezioni provinciali del prossimo 31 ottobre.
Puggelli rispetta, infatti, i requisiti previsti dalla riforma Del Rio dell’aprile 2014: le nuove disposizioni prevedono che la carica sia assegnata ad uno dei sindaci del territorio provinciale, per quattro anni e a titolo gratuito, il cui mandato non sia in scadenza nei 12 mesi successivi all’elezione a sindaco.

“Quando i sindaci mi hanno chiesto di mettermi gratuitamente al servizio dei Comuni della Provincia – dichiara Francesco Puggelli – ho riflettuto a lungo per poi giungere a questa conclusione: sono stato eletto dai poggesi e non intendo sottrarre tempo e risorse a questo ruolo che copro con grande orgoglio e con dedizione, ma credo anche che il lavoro che stiamo svolgendo a Poggio – fatto di piccoli passi ma molto concreti – possa essere di spunto e d’aiuto anche per un territorio più ampio come quello provinciale. Diciamolo chiaramente: la riforma delle Province rimasta a metà è un pasticcio. Fare il sindaco, però, insegna ad essere pratico e a far diventare anche i “pasticci” delle opportunità”.

“La Provincia come ente di “secondo livello” è fondata sui sindaci che, stando tutti i giorni in mezzo alla gente, possono creare un’occasione per dare voce a tutti i cittadini dell’area che va da Montalbano a Montepiano. Il mio obiettivo, in sostanza, è estendere l’impegno da sindaco – prosegue Puggelli – anche alla Provincia mantenendo però lo stile di Poggio grazie a un lavoro “collegiale” con tutti gli altri sindaci dell’area pratese.
La Provincia oggi continua a gestire poche cose ma importanti per tutti i pratesi: strade e scuole superiori in primis. Faccio un esempio: i nostri territori sono attraversati da strade provinciali che necessitano di continua manutenzione e di interventi. Chi meglio dei sindaci conosce il territorio e può indicare le priorità su cui intervenire? Se ognuno di noi – presidente, sindaci e consiglieri – a prescindere dal colore politico, porterà la voce del proprio territorio, potremo rendere l’ente un organismo vivo a servizio dei Comuni pratesi, per la valorizzazione delle specificità di tutta l’area”.

“I progetti da portare avanti sono tanti e credo molto nell’unione delle forze e nella contaminazione reciproca che potrà portare a fare ancora meglio – conclude Francesco Puggelli – Nel frattempo speriamo che a Roma si chiariscano le idee su quale dovrà essere il futuro degli enti locali.
Voglio anche rassicurare i poggesi che con questo nuovo impegno non verrà meno il mio tempo e il mio impegno per Poggio: la mia porta e quella di tutti gli assessori della mia squadra continuerà ad essere sempre aperta. E per l’area pratese ci saranno tutti i sindaci in campo, che ringrazio per la fiducia e il sostegno”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*