Meningite in netto calo ma ricompaiono morbillo ed epatite A. Circa 700 i pazienti sieropositivi seguiti nell’area pratese dall’Asl Toscana Centro VIDEO


Lo spettro della meningite ora fa meno paura: la crisi epidemica, registrata qualche anno fa in Toscana e anche nel territorio di competenza dell’azienda Usl Toscana Centro, sembra essere passata, almeno nella fase di vera emergenza. Restano comunque alcuni casi, poche unità all’anno, in cui i tempi di intervento risultano determinanti per la salute del paziente.
Se per questa malattia si registrano numeri in calo, diversa è la diffusione di altre patologie, un tempo quasi scomparse e che adesso tornano all’attenzione degli infettivologi pratesi.

Risultano circa 700 invece i pazienti sieropositivi in carico all’ambulatorio pratese dell’Aziende Sanitaria mentre una delle tradizionali specializzazioni, in tema di malattie infettive, resta il trattamento della tubercolosi, anche con l’ausilio di un medico madrelingua cinese.
Di questi ed altri numeri si è discusso durante la terza Conferenza del Dipartimento Specialistiche Mediche dell’Asl Toscana Centro, che ha chiamato a raccolta – nella sala del Pellegrinaio Novo – i 640 medici specialisti che operano nell’Azienda, gestendo oltre mille posti letto e circa 50mila ricoveri all’anno. Bene l’andamento del servizio di fast track, con percorsi dedicati per abbattere le liste di attesa. Due le priorità per il futuro:

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*