Un migliaio di fedeli islamici all’ex Ippodromo per la “festa del sacrificio”. E nel 2021 arriva la nuova moschea in piazza del Mercato Nuovo VIDEO

La comunità islamica di Prato festeggia la cosiddetta “festa del sacrificio” e lo fa in tre spazi verdi cittadini, il Parco degli Aquiloni, il Parco della Liberazione e della Pace ex Ippodromo e i giardini di Maliseti-Narnali. Con questa festa, la più importante dopo quella del ramadan, i musulmani ricordano la suprema prova di fede di Abramo, che sacrificò un montone dopo che Dio gli aveva chiesto di uccidere e offrirgli in sacrificio suo figlio Ismaele, salvato in extremis dall’intervento dell’angelo. Al Parco della Liberazione e della Pace questa mattina dalle 7 alle 7.30 si è presentato un migliaio di fedeli afferenti al Centro culturale islamico di vicolo de’ Gherardacci. Un altro migliaio di fedeli dell’associazione pakistana era presente al Parco degli Aquiloni, mentre l’APS della comunità bengalese aveva fatto richiesta per i giardini di Maliseti-Narnali.
Come spiega il rappresentante del centro culturale islamico di vicolo de’Gherardacci Haddade Abdelaziz, i credenti sono “invitati” a sacrificare l’agnello in questa giornata, ma, di fatto, nessuno ormai lo fa e la tradizione viene ossequiata con un pranzo a base di carne di agnello, già macellata. “Abbiamo concesso, in accordo con la Questura, per la seconda volta questi spazi all’aperto alla comunità islamica, affinché sostituiscano i grandi luoghi al chiuso, il PalaEstra per tutti, che negli anni scorsi hanno ospitato gli appuntamenti. Sono migliaia i musulmani che vivono e lavorano a Prato e questa è una festa molto sentita, ci sembrava giusto”, spiega l’assessore con delega alla Cittadinanza e all’Immigrazione Simone Mangani.
E intanto sono a buon punto anche i lavori per la nuova moschea in piazza del Mercato Nuovo, nei locali dell’ex Calamai. L’assessore Mangani riferisce di aver effettuato un sopralluogo pochi giorni fa insieme agli assessori Barberis e Marchi e che la moschea potrebbe essere inaugurata già a inizio 2021.

 

Guarda il video con le immagini e le interviste:

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*