Paura sull’A11: camion perde blocchi di granito. Resta chiuso il cavalcavia di via dei Fossi – FOTO

A11 Firenze-Mare chiusa per alcune ore nel tratto tra i caselli di Prato Ovest e Prato Est, in seguito ad un incidente che ha visto coinvolto un camion carico di blocchi di granito. Il sinistro avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi, ma per fortuna è avvenuto di notte quando il traffico è ridotto. Erano le 00,20 circa quando l’autoarticolato, che viaggiava in direzione di Firenze, ha perso il controllo andando ad urtare contro il guard rail ed un pilastro di sostegno del cavalcavia di via dei Fossi, perdendo parte del carico che stava trasportando. I blocchi di granito sono finiti sulla carreggiata e in un campo adiacente all’autostrada, nelle vicinanze della sede dei Vigili del Fuoco. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia stradale e della municipale, oltre ai pompieri del comando di via Paronese che insieme ai tecnici della società Autostrade hanno verificato la stabilità del cavalcavia. L’autostrada è rimasta chiusa per alcune ore in entrambe le direzioni per consentire le operazioni di rimozione del camion e dei blocchi di granito. Il cavalcavia di via dei Fossi, invece, è tuttora chiuso su disposizione del Comune. Una delle tre colonne che compongono il pilastro, infatti, è stata danneggiata in seguito al sinistro. L’amministrazione comunale ha già sollecitato l’intervento di Autostrade per l’Italia, cui spetta la competenza del tratto. Il sovrappasso è stato puntellato e a breve saranno effettuate le verifiche strutturali per valutare il tipo di intervento da per riaprire il ponte il prima possibile. “Autostrade per l’Italia è a conoscenza del disagio che la chiusura del ponte causa alla circolazione nella zona – ha affermato l’assessore alla Mobilità Filippo Alessi – . E’ allo studio un’ipotesi di riapertura con limitazione di carico e direzione. Ad ogni modo seguiremo le verifiche strutturali e gli interventi affinché il sovrappasso venga riaperto nel più breve tempo possibile”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*