Tirocini nei negozi e rilancio del commercio in centro storico: accordo di collaborazione tra Ali e Pin

Studenti del Pin e commercianti di Ali insieme per il rilancio del centro storico. È l’obbiettivo dell’accordo di collaborazione tra il corso di laurea in Economia Aziendale, indirizzo Management Qualità e Internazionalizzazione, attivo presso il Pin e l’Associazione Libere Imprese in Prato, nata nel 2013 e che oggi raggruppa poco meno di cento associati, l’80% dei quali sono commercianti del centro storico.
L’accordo di collaborazione intende elaborare progetti innovativi che possano contribuire con idee moderne al rilancio del commercio nel centro storico della città.

“Il primo passo – dichiara Simone Guercini, presidente del corso di laurea – è stato quello di attivare una convenzione quadro di tirocinio tra L’Università di Firenze e l’Associazione ALI che permetterà agli studenti del nostro corso di laurea di effettuare tirocini presso l’associazione ed i suoi associati”.

“Ali in Prato è nata con l’intento di riscoprire il senso iniziale delle associazioni di categoria – afferma il presidente Daniele Spada – e vuole essere un luogo dove gli imprenditori possano incontrarsi, discutere e migliorarsi. Per noi è fondamentale il ruolo dell’Università di Firenze e del PIN di Prato nell’attivazione di tutte le potenzialità della nostra associazione”.

“Il progetto di coinvolgere studenti, docenti e commercianti del centro storico, attraverso ALI in Prato – commenta Enrico Banchelli, direttore del Pin – rientra nel ruolo istituzionale che ha il PIN di favorire il collegamento tra università ed attività produttive locali. La collaborazione con gli studenti del corso di laurea con sede a Prato può essere un vantaggio importante per aziende commerciali anche piccole nell’avere accesso a competenze di alto profilo e insieme definire campagne di marketing e comunicazione efficaci”.

1 Commento

  1. ottima iniziativa secondo il centro studi prato 2.0. Solo attraverso una rete tra formazione e imprese si puo’ pensare di fare 2 operazioni nella nostra citta’:
    1) fare in modo che l’università proponga sempre piu’ insegnamenti capaci di essere attinenti alle esigenze imprenditoriali e alla evoluzione produttiva ed economica del distretto
    2) un serbatoio di giovani che il mondo produttivo puo’ avere a cui attingere per inglobare nelle aziende personale sempre piu’ qualificato e pronto ad entrare velocemente nel mondo del lavoro
    presidente centro studi prato 2.0
    dr.roberto pagliocca
    (http://www.centrostudi.prato.it/)

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*