Trent’anni anni della Beata M. Margherita Caiani: un libro fotografico per ricordare i giorni della sua proclamazione

Sono già trascorsi trent’anni da quando, il 23 aprile 1989, Papa Giovanni Paolo II rese possibile la beatificazione della prima “Minima”: suor M. Margherita Caiani. Nata il 2 novembre del 1863 a Poggio a Caiano e morta l’8 agosto del 1921 a Montughi, Madre Caiani vestì l’abito religioso nel 1902 e diede vita alla comunità delle Suore Francescane Minime del Sacro Cuore.
Oltre all’opera di assistenza degli anziani e dei più umili, suor Margherita dedicò gran parte delle energie all’educazione dei giovani, fondando nel 1902 una semplice scuola per insegnare a «leggere, a scrivere e a far di conto».
Precorritrice dei tempi, già nel 1908, aprì le sue povere stanze alle classi miste. L’iter per la sua beatificazione iniziò nel 1952. Per ricordare i 30 anni dalla beatificazione, l’Amministrazione comunale di Poggio a Caiano e l’Istituto Suore Francescane Minime del Sacro Cuore, hanno dato alle stampe un volume che ripercorre, con documenti e fotografie provenienti principalmente della raccolta Gianfranco Desii, i momenti salienti delle celebrazioni a Roma, a Bonistallo e a Poggio a Caiano. Il volume sarà presentato questa sera, venerdì 3 maggio alle ore 21, presso le Scuderie Medicee, dal sindaco, dalla Madre dell’Istituto delle Minime S. M. Salvatorica Serra, dall’assessore alla Cultura, dal giornalista Mauro Banchini e dallo storico Simone Panci. Allieterà la serata, con un omaggio canoro in onore della Beata, il baritono Giorgio Gatti. «Con questa pubblicazione – dichiarano il sindaco e l’assessore – s’intende conservare la memoria dell’importanza che la beatificazione di suor Margherita Caiani ha rappresentato per la comunità poggese e non solo. Un riconoscimento che mise il sigillo della Chiesa a una vita esemplare e significativa, non solo per le ‘minime’, ma per migliaia e migliaia di persone raggiunte dalla carità di Madre Caiani».

1 Commento

  1. Suor Margherita è stata un angelo.
    Personalmente mi sono poggiata molto a lei e, per questa mia fede, a febbraio ho fatto tanti chilometri per poterle chiedere una Grazia…
    Grazia che arrivò nel mese di agosto portando con sé una piccola creatura che ora illumina le nostre vite.
    Tuttora le sono fedele e lo sarò sempre…
    Un piccolo pensiero per questa grande Madre da Elena dalla Calabria.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*