Coronavirus, Silli: “Niente psicosi, ma fare attenzione a città come Prato”

“In alcune parti d’Italia la presenza di comunità cinesi è molto densa: penso alle aree circumvesuviane, alla zona di via Sarpi a Milano o a quella di piazza Vittorio a Roma. Ma penso soprattutto alla piana tra Prato, Firenze e Pistoia: solo a Prato la comunità cinese è stimata tra le 50 e le 80mila unità. Nessuno vuole alimentare psicosi e allarmismi, ma raccomando anche alle istituzioni locali di non sottovalutare la situazione, tacciando di razzismo verso i cinesi chi la mette in evidenza”. Lo afferma il deputato pratese di Cambiamo!, Giorgio Silli, intervenendo in Aula durante l’informativa del ministro Speranza. “Nelle ultime settimane – prosegue Silli – il flusso di cinesi verso la madrepatria è stato enorme, ecco perché non possiamo permetterci di abbassare la guardia, soprattutto negli agglomerati urbani in cui queste persone risiedono in maggior numero. Cambiamo! è a disposizione per un gioco di squadra, ma tutte le istituzioni mettano da parte le contrapposizioni politiche: è sciocco e grottesco accusare chi solleva la questione, anche attraverso interrogazione parlamentari, di volere lo scontro tra italiani e cinesi”.

1 Commento

  1. Ma che volete che ne sappia il Silli del coronavirus. Ma cosa vuoi mettere in evidenza se in Italia non c’è nesmmeno un caso!

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*