Declassata, seconda complanare pronta entro l’estate: nel progetto anche un edificio per la protezione civile FOTO

E’ cominciato l’abbattimento dell’ex stamperia industriale a ridosso del sottopasso Nenni della Declassata in direzione di Firenze, il secondo dei due capannoni produttivi espropriati dall’Amministrazione comunale – il primo è già stato demolito –  su cui sorgerà il secondo tratto della strada complanare al tunnel del Soccorso, unendo il primo tratto, ovvero il prolungamento di via Tasso da via Roma a via del Purgatorio, realizzato l’anno scorso, con la grande rotatoria di via Nenni.
Stamani il sindaco Matteo Biffoni e l’assessore ai Lavori Pubblici Valerio Barberis hanno effettuato un sopralluogo al cantiere insieme ai tecnici comunali e alla ditta appaltatrice.


Entro la settimana prossima sarà completata la demolizione dell’edificio, che si affaccia su via del Purgatorio, e a maggio comincerà la costruzione della complanare, che terminerà in estate. In un secondo momento sarà realizzata una struttura coperta di circa 250 metri quadrati, a un solo piano, con uffici, servizi e una sala dedicata a formazione e convegni per le associazioni del sistema di protezione civile che attualmente non hanno una sede.
Il costo dell’opera è di 740mila euro a cui vanno aggiunti circa 2 milioni di euro per gli espropri. Contando anche il prolungamento di via Tasso l’investimento complessivo a carico del Comune è di circa 4,8 milioni di euro.
Per quanto riguarda la realizzazione del sottopasso della Declassata, Anas, competente sull’arteria, sta ancora ultimando il progetto esecutivo che dovrà essere poi sottoposto a Valutazione di impatto ambientale nazionale. Un passaggio che il Comune aspetta entro marzo. Intanto, il sindaco ha preannunciato l’intenzione di chiedere ad Autostrade per l’Italia, nel periodo di esecuzione del tunnel, uno “sconto” sui pedaggi, facendo valere un’unica tariffa per chi esce a Prato Est, piuttosto che a Prato Ovest. Un modo per incentivare i cittadini ad usare, oltre che le complanari, il tracciato autostradale, riducendo così il traffico in città.

fotogallery di Alessandro Fioretti

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*