Innovazione tecnologica nel distretto tessile-moda, progetto del Comune riceve 2,7 milioni di euro dal Cipe

Il progetto presentato dal Comune di Prato per l’innovazione favore del distretto tessile-moda è tra i 5 finanziati dal Cipe e riceverà dallo Stato 2,7 milioni di euro. Il finanziamento è stato ufficializzato stamani con la pubblicazione della graduatoria del Cipe.
Il progetto pratese – denominato Prisma – Prato Industrial Smart Accelerator è stato realizzato dal Comune di Prato con il Pin, il dipartimento di ingegneria dell’Università di Firenze, il Cnr (Istituto nazionale di ottica), Tecnotessile, Startup Italia, Sviluppo Toscana e Estracom (che cofinanzierà parte del progetto, il cui costo complessivo è di 2.929.700 euro.

“Abbiamo seguito come Amministrazione questo progetto insieme a partner importanti per fornire uno strumento operativo alle piccole e medie imprese del territorio – sottolinea l’assessore all’Innovazione Benedetta Squittieri -, affinché strumenti come intelligenza artificiale, internet delle cose e blockchain siano integrati nel processo produttivo delle piccole e medie imprese del distretto tessile. Questo significa dare, grazie all’opportunità della sperimentazione 5G, un valore competitivo alle nostre imprese del settore tessile-moda e integrare la ricerca di altissimo livello nella realtà delle aziende”.

Il progetto Prisma sarà utile anche per rafforzare la presenza di start up innovative legate al manifatturiero sul nostro territorio: “E’ fondamentale avere un legame tra la ricerca e il mondo produttivo – spiega Squittieri -: fino a oggi a Prato vi è stato un bassissimo numero di start up innovative, in particolare nel settore tessile e nei servizi collegati, oggi con questo finanziamento diamo vita a una delle cinque Case delle tecnologie emergenti che sorgeranno a livello nazionale”.

L’impegno del Comune di Prato nell’intercettare i fondi del Governo per il progetto Prisma – Prato Industrial Smart Accelerator è stato supportato dalle diverse realtà coinvolte: “Come Amministrazione abbiamo sempre lavorato affinchè il nostro distretto potesse intercettare risorse utili allo sviluppo delle imprese e del lavoro -chiosa il sindaco Matteo Biffoni -. Quando si lavora in squadra e si hanno obiettivi chiari poi i risultati arrivano. Dobbiamo continuare a lavorare in questa direzione sopratutto ora, perché quello che riusciremo a fare nel 2021 sarà dirimente per il futuro della città. Noto che quando i progetti sono pensati e seguiti dal comune, spesso arrivano i risultati”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*