Fratelli gemelli diventano genitori lo stesso giorno alla stessa ora: “Congiunzioni astrali”

“Congiunzioni astrali”: commenta così Ketty Gambassi sul profilo social la nascita della sua primogenita Benedetta, avvenuta lo stesso giorno e praticamente alla stessa ora della nascita di Gaia, la figlia di suo fratello gemello Michael Gambassi. E’ sicuramente un caso curioso, che permea di magia una delle tante storie che hanno per protagonisti i gemelli. Stavolta i gemelli in questione sono Michael e Ketty, due trentenni di Santa Maria a Colonica. Gaia e Benedetta sono state concepite in momenti diversi, anche se in periodi ravvicinati: la prima doveva nascere il 31 marzo, ma ha “aspettato” la cuginetta fino a giovedì pomeriggio, 8 aprile. Benedetta è nata alle 18.05, seguita a ruota da Gaia, nata alle 18.27. Proprio come se fossero due gemelline. Ketty e la cognata Valentina Pignalosa hanno partorito entrambe all’ospedale Santo Stefano, in due sale attigue. Il personale sanitario ha saputo della coincidenza durante i parti, notando che Michael era in apprensione sia per la sorella che per la compagna. “Non credevamo di sincronizzarci in questo modo perché a Valentina è stato indotto il parto, perciò era incerto quando avrebbe partorito. Lo abbiamo realizzato all’ultimo, quando le bambine stavano per nascere”, racconta Ketty, che continua: “Quando le infermiere hanno saputo che siamo cognate, ci hanno messe in stanza insieme e per noi è stato un sollievo perché ci siamo fatte forza a vicenda in questo particolare momento”. A causa dell’emergenza sanitaria, i babbi Marco e Michael non possono entrare in ospedale e Ketty e Valentina si sono, così, aiutate a vicenda. “Sia io che Valentina siamo infermiere e abbiamo entrambe lavorato in reparti a contatto con pazienti Covid gravi durante la prima ondata – racconta ancora Ketty -; queste nascite rappresentano per noi la speranza”.

 

LS

1 Commento

  1. Che bella storia e piena di speranza che i questo momento serve a tutti. Auguri alle piccole ed ai genitori.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*