I versi di Giovanni Nuti e la voce di Valeria Caliandro a Palazzo Pretorio con «Lumen, canzoni e frammenti»

Un dialogo fra le arti, i versi di Giovanni Nuti, le note e la voce di Valeria Caliandro, sullo sfondo i dipinti di Filippo Lippi e le pale del Quattrocento. A Palazzo Pretorio venerdì 18 maggio (ore 21.30) va in scena “Lumen, canzoni e frammenti”, un fluire ininterrotto di poesia e musica innestato sui versi della silloge poetica omonima di Nuti di cui, proprio in occasione della serata, sarà presentata in anteprima a Prato la seconda edizione.

Uno spettacolo denso di pathos, un reading avvolto nell’arte del primo rinascimento e il viaggio di due artisti verso l’altrove e le sue forme, come allude anche il sottotitolo della raccolta. Valeria Caliandro, al piano e voce cantante, si alternerà a Giovanni Nuti, voce poetante, in un dialogo continuo che accompagnerà il pubblico in un sorprendente percorso emotivo. Immagine evocativa ispiratrice quella del Lumen Cinereum, la tenue luminescenza della parte in ombra della Luna Nuova, il riflesso della luce della Terra che schiarisce l’ombra della Luna. “Lumen è il segno di una descrizione della luce come esperienza – opus – terrena – sottolinea Nuti – È la luce dell’Uomo, attraverso l’Uomo, in fondo all’Uomo: la luce dell’anima”.

Per partecipare è consigliata la prenotazione, direttamente in biglietteria, fino a esaurimento posti. Ingresso e riduzioni come da tariffario, per informazioni 0574 1837860.

Giovanni Nuti è un apprezzato medico, ma anche poeta, scrittore e musicista. Ha scritto e realizzato le colonne sonore dei film del fratello Francesco. Moltissimi i premi e i riconoscimenti ricevuti nel corso della poliedrica carriera letteraria e musicale. La giovane cantautrice Valeria Caliandro ha già all’attivo la pubblicazione di due album, l’ultimo “La seducente assenza” è uscito nel dicembre scorso, e numerose collaborazioni da Francesco De Gregori, Carmen Consoli e Giovanni Caccamo.

“Lumen” inaugura il cartellone di iniziative Amico Museo, la rassegna della Regione Toscana che promuove il patrimonio culturale alla comunità con proposte a misura di visitatore. Filo conduttore dell’edizione 2018 è “Musei e cittadinanza: la comunità locale diventa protagonista”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*