Giornalisti pratesi a confronto con il direttore di Tv2000 Vincenzo Morgante su «come raccontare le nostre città» VIDEO

Tradizionale incontro dei giornalisti pratesi in occasione della festa del patrono San Francesco di Sales. In Seminario vescovile si è tenuto un momento di confronto che ha preso spunto dall’intervento di Vincenzo Morgante, direttore di Tv2000. Tema della sua relazione: «Giornalismo di prossimità: come raccontare le nostre città?».

«Teniamo molto a questo appuntamento – ha detto il vescovo Franco Agostinelli introducendo l’incontro – perché ci permette di ritrovarci assieme ogni anno a riflettere sulla nostra professione. Sì, mi ci metto anche io – ha osservato sorridendo – perché anche noi preti siamo chiamati ad essere dei comunicatori. L’invito che vi rivolgo è quello di essere sempre a servizio della verità e della giustizia, che spesso rischiano di essere mistificate da una cattiva informazione». All’iniziativa erano presenti numerosi giornalisti in rappresentanza delle redazioni e degli uffici stampa cittadini.

 

Foto di gruppo con il vescovo Agostinelli

 

Morgante ha iniziato la sua riflessione dal messaggio scritto da papa Francesco per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali, intitolato: «“Siamo membra gli uni degli altri” (Ef 4,25).
Dalle social network communities alla comunità umana». Ha dialogato con lui Gianni Rossi, direttore dell’ufficio diocesano per le comunicazioni sociali.

 

Vincenzo Morgante, mons. Franco Agostinelli, Gianni Rossi e il direttore di Toscana Oggi Andrea Fagioli

 

Siciliano di Palermo, Morgante è stato a lungo in Rai, dove ha diretto la Tgr. Ha lavorato anche per Il Sole 24 Ore e Avvenire prima di approdare in televisione. Dal mese di luglio è il nuovo direttore di Tv2000 in sostituzione di Paolo Ruffini, nominato da Papa Francesco prefetto del Dicastero per la Comunicazione vaticana.

Sotto l’intervista a Morgante sul tema dell’incontro, sul futuro della professione giornalistica e sulla nuova stagione di Tv2000. Foto di Alessandro Fioretti.

 

 

 

 

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*