Don Luigi Ciotti al Dagomari: “Mafie di altri Paesi trovano qui terreno fertile” VIDEO

“Mafie nostrane e mafie di altri Paesi hanno trovato qui un terreno fertile, in un connubio pericoloso che unisce legale e illegale”. Sono le parole di Don Luigi Ciotti davanti agli studenti dell’Istituto Dagomari all’inizio di una giornata che, su invito del Vescovo Franco Agostinelli, lo porterà oggi a parlare prima alla comunità dei Ricostruttori alla Villa del Palco e poi alla Chiesa di San Francesco, in una serata (alle 21) aperta a tutta la cittadinanza. Don Ciotti, fondatore del gruppo Abele per aiutare le vittime delle dipendenze, e dell’associazione Libera contro i soprusi delle mafie, è arrivato al Dagomari accompagnato dalla scorta, che lo segue da ormai 30 anni. Le parole sulle mafie suonano come l’ennesimo monito all’indomani della dichiarazione del procuratore Giuseppe Nicolosi sulla presenza di una criminalità di stampo mafioso nella comunità cinese di Prato.

Ascolta la nostra intervista a Don Luigi Ciotti

LS

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*