Chiude il Fuori di Pizza: i ragazzi della salute mentale restano senza “casa”. E’ scontro col Comune per realizzare una nuova struttura nell’area ex feste di Iolo VIDEO

fuori di pizza

Dopo otto anni di attività chiude il Fuori di Pizza, il locale di via Ciardi gestito dai ragazzi della salute mentale dell’associazione Pangea, assieme alle loro famiglie e ai volontari. In tutto duecento persone che adesso non hanno più uno spazio dedicato all’attività di socializzazione, incontri e dibattiti legati al tema della salute mentale. Due le decisioni alla base della chiusura: l’aumento dell’affitto dopo la scadenza del contratto e le conseguenze dell’emergenza covid. Secondo i volontari però una soluzione per riaprire velocemente una struttura dedicata alla salute mentale ci sarebbe. Il Rugby Iolo e la Polisportiva Aurora, che assieme gestiscono il Chersoni, hanno chiesto al Comune di potere gestire in via transitoria l’ex area feste di Iolo, struttura a lungo posta sotto sequestro e poi dissequestrata a ottobre 2018. Parte di quell’area è destinata al progetto della nuova piscina olimpionica di Iolo, ma nel frattempo Rugby e Aurora monterebbero un prefabbricato, finanziato da privati, dove ospitare le attività di ragazzi, famiglie e volontari. Le due associazioni però lamentano mancanza di risposte dal parte del Comune da oltre un anno.


Il caso questo pomeriggio è finito anche in consiglio comunale. Dal Comune spiegano che l’ex area feste può essere utilizzata al massimo per un anno, in attesa della partenza dei lavori alla piscina. In ogni caso si dovrà procedere all’assegnazione tramite un bando di gara. Sulla vicenda interviene anche la consigliera regionale Pd, Ilaria Bugetti che ha interessato del caso l’assessore regionale Stefania Saccardi.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*