“La Cina e i suoi paesaggi”, a palazzo Buonamici
la mostra dell’artista cinese Cai Kequn

Arte come energia propulsiva per l’integrazione. “La pittura, l’arte, possono essere degli ottimi strumenti per consentirci di conoscere meglio culture diverse e lontane rispetto alla nostra.” Lo ha sottolineato il presidente della Provincia Lamberto Gestri inaugurando questa mattina a palazzo Buonamici “La Cina e i suoi paesaggi”, un allestimento che attraverso trenta pitture a olio dell’artista Cai Kequn racconta i paesaggi e le atmosfere della Cina. Ma non solo. Il progetto, frutto del protocollo Artista in Residenza, un’iniziativa collaborativa fra la Monash University, la Provincia di Prato, l’Università di Wenzhou e il Polo Universitario Città di Prato, è solo il primo passo di un percorso di approfondimento della cultura e della sensibilità cinese che inizia con questa mostra e che culminerà a settembre con un convegno internazionale organizzato dalla Monash dal titolo “La Cina nel mondo”. E’ stata Loretta Baldassar, direttrice dell’università australiana, a lanciare l’iniziativa presentando questa mattina le opere di Cai Kequn, pittore e docente universitario al College of Arts and Design di Wenzhou, che fino al 1 agosto saranno in mostra nella sala Ovale del Buonamici. Kequn sarà L’Artista-in-Residenza 2011 della Monash e oltre a tenere corsi agli studenti realizzerà per settembre un nuovo allestimento – che sarà presentato all’interno del convegno – con pitture e fotografie ispirate alla nostra città e al rapporto con la comunità cinese. La mostra è visitabile, a ingresso libero, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 19. Sono previste anche aperture serali straordinarie in concomitanza con le iniziative che si terranno nel giardino Buonamici che rientrano nel cartellone “Oltre il giardino”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*