Il Polo Universitario Penitenziario compie 20 anni: inaugurato il nuovo ciclo di seminari

Compie 20 anni il Polo Universitario Penitenziario (PUP) nato per iniziativa dell’Università di Firenze. Una ricorrenza significativa – il Polo Universitario Penitenziario è la seconda esperienza istituzionale in Italia – che il rettore Luigi Dei ha salutato oggi presso la Casa circondariale della Dogaia di Prato, dove si è svolta l’inaugurazione del ciclo di seminari del Polo Universitario Penitenziario per l’anno 2020. Dei ha ribadito l’impegno a favore degli studenti in stato di detenzione e sottolineato i risultati raggiunti, dal 2000 a oggi, in termini accordi, iniziative, occasioni di incontro e di dialogo istituzionale. Ha poi tenuto un intervento dal titolo “Acrobazie culturali tra scienza e letteratura”.
L’appuntamento è stato introdotto dal direttore della Casa circondariale di Prato, Vincenzo Tedeschi e dalla delegata dell’Università di Firenze per il Polo Universitario Penitenziario della Toscana Maria Grazia Pazienza che ha ricordato la recente apertura di una nuova sala studio presso il penitenziario di Prato e ha annunciato che si intensificherà il rapporto di collaborazione con il sistema bibliotecario dei Comuni di Firenze e di Prato.

Da sinistra Luigi Dei, Maria Grazia Pazienza e Vincenzo Tedeschi

Il ciclo di seminari del Polo Universitario Penitenziario è rivolto agli studenti del PUP iscritti ai corsi di laurea dell’Università di Firenze, agli altri detenuti della Dogaia che frequentano le scuole superiori e al personale dell’amministrazione penitenziaria. Il calendario prevede il 28 febbraio la lezione di Emilio Santoro su “Problemi di sociologia del diritto: status, cultura e rischio penale”; il 25 marzo l’intervento di Livia Gionfrida su “Teatro d’impresa: sviluppo del pensiero e dell’individuo attraverso l’esperienza teatrale”; il 15 aprile si prosegue con Gaetano Aiello su “L’evoluzione dei gusti dei consumatori e i comportamenti”; il 13 maggio Lucia Felici parlerà di “Lutero e la Riforma”; il 17 giugno Silvia Pezzoli di “Comunicazione e Giornalismo carcerario”; il 16 settembre Daniele Menozzi di “L’antisemitismo occidentale e la chiesa cattolica”; il 14 ottobre Stefano Bottoni su “”Impero e Nazioni”. Chiude l’11 novembre Franco Cardini su “Le vie di pellegrinaggio nell’occidente medievale”.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*