Prato Storia e arte, inattese sorprese nell’ultimo numero

L’ultimo numero di Prato Storia e Arte, la rivista che la Fondazione Cassa di Risparmio di Prato dedica alla valorizzazione della cultura del territorio, riserva anche stavolta alcune inattese sorprese. La pubblicazione verrà presentata mercoledì 5 febbraio, alle 18,30, a Palazzo Gatti, presso la nuova sede della Fondazione in via Cairoli, 23. Interverranno Giampiero Nigro e Daniela Toccafondi, direttore e coordinatrice della rivista, alcuni autori degli articoli e il presidente Franco Bini.

Sono numerosi i temi affrontati con dovizia di particolari del numero 124-125 di Prato Storia e Arte, realizzato anche grazie al sostegno di Palmucci auto. Dallo straordinario contributo di Leonardo da Vinci all’evoluzione della tessitura al welfare medievale modello Prato raccontato attraverso le insegne araldiche degli antichi spedali della città, dall’avventura di Leonetto ed Elena Tintori a Long Island per salvare un affresco altrimenti destinato alla distruzione all’evoluzione recente dei Conservatori della Toscana a partire da San Niccolò.

Prato Storia e Arte ricostruisce anche le vicende di due artisti dalle solide radici nel territorio pratese: Umberto Brunelleschi che partito da Montemurlo diventa a Parigi uno dei grandi protagonisti dell’Art Deco e Amighetto Amighetti, figlio di poggesi, interprete raffinato e sensibile della pittura dei primi decenni del Novecento tra Liguria e Toscana.

Il numero contiene un suggestivo articolo di Umberto Cecchi dal titolo a Figline l’inferno degli Etruschi brucia ancora. Gli interventi sono di Alessandro Savorelli, Vieri Favini, Colin Eisler, Daniela Degl’Innocenti, Riccardo Spinelli, Niccolò Lucarelli, Mauro Giovannelli, Alessia Cecconi, Claudio Cerretelli, Laura Pini e Loretta Baldassar.

La presentazione c si tiene nella nuova sede della Fondazione Cassa di Risparmio che da dicembre ha fatto ritorno nel centro della città, al primo piano dello storico palazzo Gatti che si affaccia sulla piazzetta Buonamici.

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*