Il picchio nero “mette su casa” alla Riserva Acquerino Cantagallo: il raro volatile arricchisce l’avifauna della Valbisenzio FOTO

La presenza stabile di un raro volatile, il picchio nero, è stata documentata nei boschi della Val di Bisenzio, all’interno della riserva naturale Acquerino Cantagallo. A renderlo noto è la stessa Riserva, che ha pubblicato sulla propria pagina Facebook le foto che documentano questa presenza: “Interessantissima documentazione fotografica che testimonia la presenza stabile di un nucleo familiare del picchio nero (dryocopus martius) nei boschi del territorio Pratese. Ringraziamo il fotografo Domenico Pagano che ci ha fornito le immagini della coppia di questo raro volatile che si accinge a deporre le uova, finora documentato soltanto una volta alcuni anni fa, come presenza sporadica all’interno della riserva Acquerino Cantagallo”.
L’area naturale protetta Acquerino Cantagallo può dunque annoverare un’altra specie all’avifauna già censita: rapaci sia diurni che notturni (falco pecchiaiolo, sparviere, poiana, gheppio, allocco, gufo, barbagianni) e altri uccelli, fra cui la ghiandaia, il picchio verde, il picchio rosso maggiore e il picchio muratore oltre a numerosi volatili stanziali come starne, pernici e fagiani, e migratori come colombacci e beccacce.

Foto di Domenico Pagano, tratte dalla pagina Facebook della Riserva Acquerino Cantagallo

Commenti

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*